IL SILENZIO DEL GUARDASIGILLI

L’incredibile vicenda del rifiuto da parte del ministero non soltanto della donazione di uno strumento informatico che da anni è sperimentato con successo e con l’autorizzazione del ministero stesso, ma anche di qualsiasi risposta circa il motivo del rifiuto

.
Messaggio pervenuto il 30 ottobre 2017 – Segue la mia risposta – Tutti gli interventi e i documenti sulla vicenda dell’agenda informatica A-Lex per l’organizzazione del lavoro giudiziale sono raccolti nel nuovo portale
Il progetto Themis     Continua…

IL PROGETTO THEMIS

Una “riforma” della Giustizia senza nuove leggi e a costo zero: l’agenda elettronica intelligente per la programmazione del lavoro giudiziario secondo i criteri della concentrazione e della sequenzialità – La riluttanza inspiegabile del ministero ad accettarne la donazione e a consentirne l’allargamento della sperimentazione

.

Themis

Documenti e interventi relativi al progetto Themis, promosso e finanziato dalla Fondazione Giuseppe Pera (2009-2017), e ai rapporti tra di essa, gli uffici giudiziari interessati alla sperimentazione dell’Agenda A-Lex e il ministero della Giustizia Continua…

A-LEX: COME ACCELERARE LA GIUSTIZIA A PARITÀ DI RISORSE E DI TEMPO

Oggi è disponibile un’agenda elettronica, si chiama A-Lex, che permetterebbe ai giudici civili di fissare il calendario di ciascun process0, in modo concentrato e sequenziale (cioè non “in parallelo”) –  Le prime sperimentazioni hanno dato esiti molto positivi: perché il ministero la rifiuta?

.
Articolo di Bruno Tinti, ex magistrato, giornalista ed editore, pubblicato sul quotidiano
la Verità il 27 ottobre 2017 – In argomento v. anche l’articolo di Gianantonio Stella sul Corriere della Sera del 1° novembre, Giustizia lenta: perché nessuna risposta?      Continua…

GIUSTIZIA LENTA? NESSUNA RISPOSTA

In democrazia il Governo ha il dovere inderogabile della massima trasparenza: perché, dunque, il Guardasigilli tace ostinatamente sul motivo per cui rifiuta la donazione di uno strumento che, dove è sperimentato, si sta rivelando utile per accelerare i processi? .

.
Articolo di Gianantonio Stella pubblicato sul
Corriere della Sera del 1° novembre 2017 – In argomento, oltre all’articolo di mio fratello e mio citato nel testo, e all’intervista al dott. Maurizio Paganelli essa pure citata nel testo, v. la scheda presentata dalla Fondazione Giuseppe Pera al Consiglio Superiore della Magistratura, attualmente investito della questione
Continua…

“COME SONO RIUSCITO A TRASFORMARE LA GIUSTIZIA DA LUMACA IN GAZZELLA”

Un magistrato dà conto dei risultati ottenuti applicando il metodo della trattazione sequenziale e concentrata delle controversie, reso possibile dall’agenda informatica A-Lex (strumento del quale il ministero della Giustizia – senza alcuna motivazione plausibile – appare riluttante ad allargare la sperimentazione)

.
Intervista a cura di Roberto Damiani a Maurizio Paganelli, giudice del lavoro nel Tribunale di Pesaro, pubblicata sul Resto del Carlino il 29 ottobre 2017 – In argomento v. anche l’articolo di mio fratello Andrea e mio, Perché la Giustizia decide di rimanere lenta?, pubblicato sul Corriere della Sera il 17 ottobre e rimasto a tutt’oggi senza alcuna risposta da parte del ministero – Per la storia del progetto Themis da cui l’agenda A-Lex è nata, v. la scheda presentata dalla Fondazione Giuseppe Pera al Consiglio Superiore della Magistratura, attualmente investito della questione    Continua…

PERCHÉ LA GIUSTIZIA DECIDE DI RIMANERE LENTA?

Il ministero della Giustizia deve spiegare il motivo per cui rifiuta uno strumento che gli viene offerto gratis e che consentirebbe un formidabile miglioramento del funzionamento degli uffici giudiziari

.
Articolo di Andrea e Pietro Ichino, pubblicato sul
Corriere della Sera del 17 ottobre 2017; per ora nessuna risposta – È on line su questo sito una scheda che racconta l’intera vicenda del progetto Themis     Continua…

ARRIVA IN AULA IL DDL SUL WHISTLEBLOWING

Il provvedimento chiede ad aziende e amministrazionni di istituire un organo-filtro capace di raccogliere attraverso un canale riservato le segnalazioni di possibili malversazioni e di distinguerle da delazioni diffamatorie; e definisce meglio i confini del segreto professioale, d’ufficio e aziendale

A) Estratto del resoconto stenografico della seduta pomeridiana dell’11 ottobre 2017: interventi dei senatori Malan e Ichino sulla pregiudiziale di incostituzionalità del disegno di legge n. 2208/2230-A, Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato

B) Intervento svolto in Senato, nella seduta antimeridiana del 12 ottobre 2017, dal sen. Ichino in sede di discussione generale dello stesso disegno di legge – In argomento v. anche la relazione alla Commissione Lavoro del Senato sullo stesso disegno di legge       Continua…

IL PADRE ACCUSATO DI MASSACRI INDICIBILI, IL SUO GIUDICE E LA FIGLIA

La Giustizia penale deve saper sempre essere umana, anche nella fase del processo, e anche quando le imputazioni hanno per oggetto delitti orrendi – Ne è un esempio quanto è accaduto in questi giorni in un’aula del Tribunale di Milano

.
Articolo di Manuela D’Alessandro pubblicato il 12 settembre 2017 sul sito
Gli stati generali.com In argomento v. anche L’articolo 27 e la giustizia “ago e filo”   .

Continua…

LA TARIFFA DEL BOIA

Giusto essere fieri della nostra cultura dei diritti civili e criticare le atrocità che si commettono nei Paesi in cui ancora a questa cultura non si è arrivati; ma senza dimenticare che solo qualche secolo fa le stesse atrocità, in nome della Giustizia, venivano commesse anche da noi

.
Tariffario del secolo XV, conservato nell’Archivio comunale di Pietrasanta, tratto dal libro di Tessa Nardini e Stefania Neri,
Versilia insolita. Quello che le guide tradizionali non dicono, Pezzini ed., 2016, p. 35 – Le note redazionali sono di questo sito
Continua…

LA LEGGE-DELEGA PER IL RIORDINO DELL’AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

Le deleghe al Governo per il riordino della disciplina in materia di fallimento, che d’ora in poi si chiamerà liquidazione giudiziale, e di amministrazione straordinaria

.
Relazione presentata il 18 luglio 2017 alla Commissione Lavoro del Senato, in funzione dell’esame in sede consultiva del d.d.l. n.
2831  Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab