LA GIUSTIZIA NELL’ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

CRESCONO I PROFILI SOVRANAZIONALI DELL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA NON SOLO SUL PIANO CIVILE, MA ANCHE SU QUELLO PENALE E DELLA LOTTA AL TERRORISMO E ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA: OGGI NESSUNO STATO NAZIONALE PUÒ RESTARE ISOLATO NELLO SVOLGIMENTO DI QUESTO SUO COMPITO ESSENZIALE

Relazione presentata al Senato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, nella seduta antimeridiana del 18 gennaio 2017 – Segue la sua replica al termine della discussione generale Continua…

Continua la lettura..
-->

CONTRO LE ESECUZIONI CAPITALI IN ARABIA SAUDITA

È UNO DEI PAESI CON IL NUMERO DI CONDANNE A MORTE PIÙ ALTO DEL MONDO, ANCHE IN TERMINI ASSOLUTI, CON L’AGGRAVANTE DI UN SISTEMA GIUDIZIARIO OPACO, NEL QUALE LE GARANZIE PER L’IMPUTATO SONO, INVECE, AI LIVELLI PIÙ BASSI DEL MONDO

Lettera pervenutami il 4 gennaio 2017, spedita dalle associazioni Americans for Democracy & Human Rights in Bahrain (ADHRB),  Ensemble Contre la Peine de Mort,  European-Saudi Organisation for Human Rights (ESOHR)  Continua…

ROBLEDO A TESTA BASSA CONTRO IL PARLAMENTO

L’INIZIATIVA SCORRETTA DI UN MAGISTRATO CONFERMA L’OPPORTUNITÀ DELLA PROTEZIONE DEI PARLAMENTARI CONTRO POSSIBILI ABUSI DA PARTE DI GIUDICI POCO SERENI O POCO CAPACI DI ASSOLUTA IMPERMEABILITÀ AGLI INTERESSI POLITICI DI PARTE

Secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 415, 21 novembre 2016 – In argomento v. anche Immunità parlamentare: una proposta ragionevole; inoltre il punto 7 del documento Le tesi del No che inducono a votare Sì     Continua…

UNA LETTERA DALL’ERGASTOLO (E LA RISPOSTA)

NULLA DI QUELLO CHE ACCADE FUORI DEL CARCERE DEVE SEI DETENUTO TI  È ESTRANEO, PERCHÉ LA PENA DEVE PREPARARE IL TUO RITORNO A ESSERE LIBERO; COSÌ COME NULLA DI QUELLO CHE ACCADE DENTRO PUÒ ESSERE ESTRANEO A NOI CITTADINI LIBERI, PERCHÉ NON C’È CRIMINE MERITEVOLE DEL CARCERE CHE ANCHE CIASCUNO DI NOI NON POSSA, SCIAGURATAMENTE, COMMETTERE

Lettera di Carmelo Musumeci, che sta scontando la pena dell’ergastolo nel carcere di Padova, pervenuta il 22 giugno 2016 – Segue la mia risposta –  In argomento v. anche l’interrogazione presentata sulle misure di massima sicurezza nelle carceri nel gennaio scorso, all’esito di una serie di incontri con i detenuti e di un fitto scambio di lettere con alcuni di loro, tra i quali lo stesso Carmelo Musumeci; inoltre, ultimamente, Un saluto al convegno sull’ergastolo ostativo     Continua…

UN SALUTO AL CONVEGNO SULL’ERGASTOLO OSTATIVO

È ORMAI EVIDENTE CHE QUESTE MISURE VENGONO LARGAMENTE APPLICATE IN MODO ECCESSIVO RISPETTO ALLA LORO RAGION D’ESSERE, CHE È E DEVE RESTARE ESCLUSIVAMENTE QUELLA DELLA SICUREZZA CONTRO LA POSSIBILITÀ DI PARTECIPAZIONE DEL DETENUTO ALL’ATTIVITÀ DELL’ORGANIZZAZIONE CRIMINALE A CUI HA APPARTENUTO

Lettera di saluto letta dalla avv. Valentina Alberta al convegno promosso dalla Camera penale di Milano nel Carcere di Opera, il 16 giugno 2016 – V. anche l’interrogazione presentata sullo stesso tema nel gennaio scorso Continua…

IL RISCHIO CHE CORRONO I PM QUANDO SI GETTANO NELLA MISCHIA POLITICA

QUELLO DI FARE PROPRI I DIFETTI PEGGIORI DELLA POLITICA STESSA, A COMINCIARE DALLE ARGOMENTAZIONI SENSAZIONALISTICHE, DA SEMPRE STRUMENTO PRIVILEGIATO DEI DEMAGOGHI, ANZICHÉ PORTARE NEL CONFRONTO POLITICO LA SERIETÀ E IL RIGORE PROPRI DELLA LORO FUNZIONE

Articolo di Giorgio Tonini pubblicato su l’Unità del 9 maggio 2016 – In argomento v. anche Continua…

LA DEMOCRAZIA SECONDO IL PROCURATORE GENERALE DI PALERMO

L’ALTO MAGISTRATO RIVENDICA PER LA MAGISTRATURA UN RUOLO ANALOGO A QUELLO CHE IN IRAN È PROPRIO DEL “CONSIGLIO DELLA RIVOLUZIONE”: QUELLO DI CUSTODE SUPREMO DELLA FEDELTÀ DEL PARLAMENTO E DEL GOVERNO A UNA SORTA DI “SOCIALISMO COSTITUZIONALE ORIGINARIO”, SOSTANZIALMENTE IMMODIFICABILE

Editoriale telegrafico per la Nwsl n. 392, 11 maggio 2016, in riferimento all’intervista di Liana Milella a Roberto Scarpinato, pubblicata su la Repubblica dello stesso giorno – Questo editoriale è stato ripreso dal Foglio il giorno successivo Continua…

POLITICI E MAGISTRATI, UN PO’ PIÙ DI UMILTÀ (E DI BUON SENSO)

LA TENSIONE TRA LE DUE PARTI SAREBBE UTILE SE INDUCESSE CIASCUNA A OCCUPARSI DELLE PIAGHE DI CASA PROPRIA DI PIÙ  E PRIMA CHE DI QUELLE DELL’ALTRA

Editoriale telegrafico per la Nwsl n. 389, 23 aprile 2016 Continua…

LA “RIEDUCAZIONE” DEL CONDANNATO E LA SUA LIBERTÀ DI RIFIUTARLA

OCCORRE RICONOSCERE AI DETENUTI LA POSSIBILITÀ DI SCELTA TRA AVVIARSI A UNA VITA NUOVA E RESTARE QUEL CHE SONO

Lettera pervenuta il 29 marzo 2016, in riferimento alla precedente del 17 marzo, Quando l’ergastolano non si redimeSegue la mia risposta Continua…

QUANDO L’ERGASTOLANO NON SI REDIME

NEI CASI IN CUI IL RECUPERO DEL CONDANNATO SI PRESENTA PIÙ DIFFICILE, AL LIMITE DELL’IMPOSSIBILITÀ, L’UNICA VIA D’USCITA CONSISTE IN UN DISPIEGAMENTO STRAORDINARIO DI RISORSE PER LA RIEDUCAZIONE

Lettera pervenuta il 17 marzo 2016, a seguito della pubblicazione sul Corriere della Sera del 15 marzo del mio articolo Se la legittima difesa della società civile diventa feroce – Segue una mia breve risposta Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab