NON È AFFATTO UNA “RIPRESA SENZA LAVORO”

I DUE ECONOMISTI CONSIGLIERI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO RISPONDONO PUNTUALMENTE, DATI ALLA MANO, ALLA TESI DI LUCA RICOLFI SECONDO CUI NEL CORSO DEL 2015 NON SI SAREBBE VERIFICATO NÉ UN AUMENTO DELL’OCCUPAZIONE NÉ UNA RIDUZIONE DEL LAVORO PRECARIO

Articolo di Marco Leonardi, Professore di economia dell’Università statale di Milano, consigliere Economico della Presidenza del Consiglio, e Tommaso Nannicini, professore di economia dell’Università Bocconi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, pubblicato sul Sole 24 Ore il 9 febbraio 2016

Continua…

SE L’ITALIA SULLE AGENZIE PER IL LAVORO PASSA IN TESTA ALLE GRADUATORIE

IL FATTO CHE GLI OPERATORI PRIVATI TRAGGANO PROFITTO DA UNA DISCIPLINA MODERNA DELLA LORO ATTIVITÀ NON TOGLIE NULLA AL VALORE DELL’APPREZZAMENTO DELLA LORO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER L’ORDINAMENTO ITALIANO: IL MERCATO HA BISOGNO DI TUTTI I CANALI DI INCONTRO DOMANDA/OFFERTA CHE OPERINO ALLA LUCE DEL SOLE

Rapporto pubblicato il 21 gennaio 2016 dal CIETT, Confederazione internazionale degli operatori privati del mercato del lavoro, che colloca l’Italia al secondo posto nella graduatoria complessiva dei migliori ordinamenti nazionali dei servizi di intermediazione – Segue un mio breve commento Continua…

COME È CAMBIATO IL MERCATO DEL LAVORO CON IL JOBS ACT

CON LA RIFORMA I CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO SONO CRESCIUTI IN MODO NETTO, MA È CRESCIUTA MENO L’OCCUPAZIONE COMPLESSIVA – QUESTO PUÒ PORTARE CON SÉ BENEFICI SU PRODUTTIVITÀ E CRESCITA, MA LA SCOMMESSA DI FARE DEL LAVORO STABILE LA FORMA NORMALE DI ASSUNZIONE NON È ANCORA VINTA

Articolo pubblicato sul sito lavoce.info sotto lo pseudonimo Tortuga il 22 gennaio 2016 Continua…

IL BAA TEDESCO SI OCCUPA DI TUTTE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

IL CONFRONTO TRA GLI ORGANICI DELLA RETE PUBBLICA ITALIANA DEI SERVIZI AL MERCATO DEL LAVORO E QUELLI DEL BUNDES AGENTUR FÜR ARBEIT TEDESCO È INAPPROPRIATO, PERCHÉ QUEST’ULTIMO SI OCCUPA NON SOLTANTO DELLE POLITICHE ATTIVE, MA ANCHE DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE E DI INTEGRAZIONE SALARIALE

Lettera pervenuta da un dirigente dei servizi per l’impiego sardo il 22 dicembre 2015, in riferimento all’articolo di Luigi Olivieri pubblicato la settimana precedente Continua…

IL PUNTO SULLA CLAUSOLA PENALE PER L’INTERRUZIONE DEL TIROCINIO

QUANDO IL RAPPORTO IMPLICA UN RILEVANTE INVESTIMENTO DA PARTE DELL’IMPRESA, QUESTA (CHE NON È OBBLIGATA A COSTITUIRLO) È LEGITTIMATA A CAUTELARSI CON UNA CLAUSOLA PENALE CONTRO L’EVENTUALITÀ DEL RECESSO INGIUSTIFICATO DEL GIOVANE TIROCINANTE

Articolo di Eleonora Voltolina pubblicato sul sito Repubblicadeglistagisti l’8 gennaio 2016  Continua…

PERCHÉ I NEET (E DI CHI È LA COLPA)

ALL’ORIGINE DEL FENOMENO DEI GIOVANI NON PIÙ A SCUOLA E NEPPURE IMPEGNATI IN FORMAZIONE PROFESSIONALE O LAVORO C’È IL DIFETTO GRAVISSIMO DEI SERVIZI DI ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE, DEI MECCANISMI DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E DELL’INFORMAZIONE SULL’EFFICACIA DEI CORSI SUL PIANO OCCUPAZIONALE

Intervista a cura di Luca Salvi, pubblicata sul quotidiano Il Giorno l’8 gennaio 2016 – In argomento v. anche l’articolo di Irene Tinagli del gennaio 2010, Sui due milioni di giovani che non sono né a scuola né al lavoro, la mia intervista al Giornale del maggio 2011 e l’articolo di Luca Ricolfi del febbraio 2012, I giovani disoccupati e la strada verso il nulla Continua…

ERRORI DI MISURA SUL LAVORO

VOLER TRADURRE A TUTTI I COSTI LA QUALITÀ DELLA PRESTAZIONE IN QUANTITÀ, IN FUNZIONE DELLA VALUTAZIONE, SENZA SAPERLO FARE, PUÒ PRODURRE MOSTRI

“Lettera sul Lavoro” pubblicata sul Corriere della Sera il 6 gennaio 2016, in occasione dell’uscita del libro di Dina Gray,  Pietro Micheli e Andrey Pavlov, Measurement Madness. Recognizing and avoiding the pitfalls of performance measurement (Wiley, 2015)  Continua…

I BUONI EFFETTI DELLA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO A POMIGLIANO

UNA RICERCA SOCIOLOGICA RIGOROSA DÀ CONTO DELLA SODDISFAZIONE ESPRESSA DAI LAVORATORI DELLO STABILIMENTO – OCCORRE CHIEDERSI PERCHÉ TANTI SINDACALISTI, INTELLETTUALI E POLITICI PRIMA HANNO TIFATO CONTRO, E POI, ANCORA OGGI, SI OSTINANO A NEGARE L’EVIDENZA DELLA BUONA QUALITÀ DEL PIANO INDUSTRIALE DI MARCHIONNE

Saggio di Paolo Feltrin, professore di sociologia nell’Università di Trieste (che ringrazio dell’autorizzazione a pubblicare questa anticipazione), che compare come capitolo 8 del libro di AA.VV., Le persone e la fabbrica: una ricerca sugli operai Fiat-Chrysler in Italia, Guerini Editore, dicembre 2015 – In argomento v. anche i miei editoriali telegrafici del 18 aprile 2015 Fiat-Chrysler 1. Se nel 2010 avesse prevalso il “No” della Fiom e  Fiat-Chrysler 2. L’autocritica che non abbiamo sentito da Bersani e Letta; la mia Lettera sul Lavoro pubblicata dal Corriere della Sera il 24 gennaio 2012, Pomigliano: quando la sinistra sbaglia il bersaglio; il dialogo tra un lavoratore della Fiat e un sindacalista della Fiom, La vera colpa di Marchionne, settembre 2012 – Del libro farò omaggio nei giorni prossimi a Ritanna Armeni, autrice de Lo squalo e il dinosauro. La Fiat spiegata a Pietro Ichino, (sottotitolo modificato, in una edizione successiva, in Vita operaia nella Fiat di Marchionne), Ediesse, 2012   Continua…

I CENTRI PER L’IMPIEGO SAPRANNO ATTIVARE IL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE?

ALLE CONCLUSIONI DEL SAGGIO DI CARUSO E CUTTONE SULLO STRUMENTO-CARDINE DEL NUOVO SISTEMA DI PROTEZIONE UN LETTORE OPPONE L’INCOMPATIBILITÀ  DELLA NATURA BUROCRATICA DEI TERMINALI LOCALI DEL SERVIZIO PUBBLICO CON LE ESIGENZE CONNESSE AL NUOVO DISPOSITIVO DI ASSISTENZA

Lettera pervenuta il 18 dicembre 2015 – Seguono una risposta di Bruno Caruso e un mio breve commento – In argomento v. anche l’articolo di Luigi Olivieri e la mia risposta sulla questione delle risorse necessarie perché la riforma funzioni – Inoltre la mia interpellanza al ministro del Lavoro del 3 novembre 2015, gli interventi di addetti ai Centri per l’Impiego di diverse regioni che ne sono seguiti, uno sulla situazione in Emilia Romagna e il mio editoriale telegrafico del 23 novembre 2015, Centri per l’Impiego: occorre subito un piano organico di rilancio  Continua…

la mia interpellanza al ministro del Lavoro del 3 novembre 2015, gli interventi di addetti ai Centri per l’Impiego di diverse regioni che ne sono seguiti, uno sulla situazione in Emilia Romagna e il mio editoriale telegrafico del 23 novembre 2015, Centri per l’Impiego: occorre subito un piano organico di rilancio 

Continua la lettura..
-->

IL PARERE DELL’ANTITRUST SULLA “CLAUSOLA SOCIALE” NEGLI APPALTI PUBBLICI

A CHI SI PROPONE DI CONTENDERE UN APPALTO, IN REGIME DI LIBERA CONCORRENZA,  NON SI PUÒ IMPORRE DI ASSICURARE AI PROPRI DIPENDENTI LE CONDIZIONI CONTRATTUALI PRATICATE DALL’APPALTATORE PRECEDENTE SULLA BASE DI UN ACCORDO DI SPARTIZIONE DELLA VECCHIA RENDITA MONOPOLISTICA

Parere espresso dall’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, su richiesta della Commissione Lavoro e Politiche sociali del Senato, 11 dicembre 2015 – In argomento v. anche la mia relazione alla stessa Commissione e il parere da questa approvato il 10 dicembre sul disegno di legge n. S-1678-B in materia di appalti pubblici Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab