LA VERTENZA LGD/SI-COBAS NEL SETTORE DELLA LOGISTICA
Il Fatto quotidiano presenta – irresponsabilmente – la reazione di una cooperativa di lavoro, da me assistita in giudizio, all’aggressione del SI-Cobas come una mia guerra personale. L’intervista dà conto abbastanza correttamente – a parte qualche sbavatura faziosa – dei termini della vertenza; ma la personalizzazione contenuta nel titolo è inaccettabile.

TELECOM, KKR E IL RIFLESSO PAVLOVIANO BI-PARTISAN
Come già quindici anni or sono, appena una multinazionale accenna a un proprio interesse per grandi aziende del settore telecomunicazioni (come per Alitalia, ferrovie, autostrade, banche e perfino industria alimentare) da destra e da sinistra scatta l’allarme in difesa dell’“italianità” dell’impresa: è online il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 555.

SE LA NOSTRA LINGUA A SCUOLA NON SI INSEGNA PIÙ
Il vero problema drammatico non è il manifesto (sgrammaticato) con cui 40.000 ragazzi chiedono l’abolizione della prova scritta di italiano alla maturità, ma una scuola media nella quale troppi insegnanti l’italiano non l’insegnano (e talora non lo sanno proprio). Leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 555.

LA CGIL CHIEDE LA RIDUZIONE DELL’IRPEF PER CHI GIÀ NON LA PAGA
La protesta di Landini contro la linea del Governo in materia fiscale è davvero poco comprensibile: nella fascia dei redditi bassi (sotto i 15.000 euro annui), non toccati dalla riduzione dell’Irpef, stanno 18 milioni di contribuenti, dei quali più di 13 milioni già ora non pagano nulla, mentre 4,7 milioni pagano fra i 31 e i 454 euro all’anno. Leggi l’articolo pubblicato da Claudio Negro (foto qui a destra) sul suo blog.

LA PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NELL’IMPRESA
La dialettica tra articoli 36 e 46 della Costituzione: principio assicurativo e principio di partecipazione; le ragioni del ritardo dell’Italia rispetto al resto d’Europa nella diffusione delle pratiche partecipative; le vicende legislative della XVI e XVII legislatura. Sono online le slides della mia comunicazione all’Agorà del Circolo PD Gino Giugni, che si svolgerà il 14 dicembre prossimo.

LA DETASSAZIONE DEL LAVORO FEMMINILE NELLA FINANZIARIA
L’economista del lavoro che con Alberto Alesina (nella foto qui a sinistra) ideò e argomentò dodici anni fa questa azione positiva a sostegno del tasso di occupazione femminile, critica la scelta del Governo di mascherarla dietro l’espressione “incentivo al lavoro del secondo percettore di reddito in famiglia”: leggi l’articolo di Andrea Ichino pubblicato su il Foglio martedì scorso.

Paolo Ogheri, in arte Paolino

LA TROPPO BREVE VITA DI UN REBUSSISTA DI RAZZA
A cento anni dalla nascita e cinquanta dalla morte, ricordiamo uno dei maggiori enigmisti italiani, Paolo Ogheri, in arte Paolino, che molto ha contribuito alla crescita della cultura del rebus nel nostro Paese e ha collaborato intensamente con la Settimana Enigmistica. Sono online:
– una antologia dei suoi rebus più belli, quasi tutti disegnati dalla Brighella (al termine della rassegna vengono fornite le soluzioni);
– il ricordo che di lui scrisse Belfagor su Labirinto, poco dopo la sua scomparsa;
– una scheda biografica redatta con la collaborazione dei figli;
– una lettera a lui del grande Briga, resposabile della sezione rebus della Settimana Enigmistica.

APPRENDISTATO DEL REBUS – 9. I BISENSI DI PAOLINO
Dopo quella dedicata a Briga e alla Brighella, questa puntata del corso è dedicata a Paolo Ogheri, nel centenario della nascita. Una caratteristica dominante nei suoi rebus è la ricorrenza frequente di parole bisenso, che cioè compaiono nella prima lettura e nella soluzione con due significati completamente diversi: questo dà alla metamorfosi del testo un sapore tutto particolare. È online la nona lezione del nostro corso iniziato a luglio.

 

***

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 170 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 1000 articoli pubblicati dal 1994 al 2020 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2020 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.