GREEN PASS: 1. L’OCCASIONE PERSA DAL SINDACATO
L’obbligo della certificazione imposto per legge è la conseguenza dell’incapacità del sistema delle relazioni industriali di adottare autonomamente la misura necessaria per far fronte all’emergenza sanitaria nelle aziende (e della sua acritica sudditanza nei confronti di una posizione gravemente errata dell’Autorità per la Privacy): leggi la mia intervista pubblicata su Italia Oggi giovedì.

GREEN PASS: 2. L’ACCUSA DI IPOCRISIA MOSSA ALLA NORMA
Questa critica alla scelta governativa di richiedere la certificazione invece di obbligare alla vaccinazione viene curiosamente mossa dal leader sindacale che per primo ha respinto l’invito di Confindustria a introdurre quell’obbligo nei protocolli per la sicurezza nelle aziende, come peraltro sarebbe stato già previsto dalla legge vigente. Sull’iniziativa legislativa del Governo v. la mia intervista pubblicata dal settimanale Mondo Padano venerdì.

L’OBIEZIONE DI COSCIENZA NON SI FA A PART-TIME
La forza della disobbedienza civile – come ci hanno insegnato, tra gli altri, il Mahatma Gandhi e don Lorenzo Milani – sta tutta nella coerenza di chi sceglie questa forma di lotta: praticarla soltanto nel tempo libero, per non perdere lo stipendio (come pretenderebbe la poliziotta romana no-vax), rischia di essere solo una sua ridicola caricatura. È online il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 551.

 

La mie vita è il mio tempo – Ripensare il lavoro

IL DECLINO DEL “TEMPO” NELLA STRUTTURA DEL RAPPORTO DI LAVORO
Con l’avvento del coordinamento informatico-telematico, nella nozione di lavoro dipendente il coordinamento spazio-temporale della prestazione con il resto dell’organizzazione aziendale tende a perdere rilievo: che cosa ne consegue per il futuro del diritto del lavoro. Leggi la lettera dell’avvocato giuslavorista Gianni Giovannelli e la mia risposta.

LA LEZIONE DI ALITALIA
Il decollo in regime di sostanziale monopolio sulle rotte nazionali e la rendita a spese dei viaggiatori; la crisi conseguente alla liberalizzazione dei cieli e all’avvento dei voli low cost; la bocciatura del piano industriale di Air France-KLM nel 2008 e di quello di Etihad nel 2017. Quali prospettive per il nuovo tentativo di ATI? Sono online le slides della lezione che ho tenuto nel maggio 2021 all’Università “La Sapienza” di Roma nell’ambito del corso di Sociologia del lavoro e relazioni industriali.

 

MARIA GHEZZI, OLTRE L’ENIGMA
Il suo incontro con Gian Carlo Brighenti, il Briga, è la sinapsi fra il talento enigmistico e l’arte del disegno. Non solo lo stile, ma anche e soprattutto la nitidezza e la capacità espressiva del “segno” della Brighella determinano un nuovo standard figurativo nel mondo italiano dei rebus. Ma la sua opera d’artista va al di là dello straordinario contributo che ha dato all’evoluzione dell’enigmistica italiana. È online la mia presentazione della mostra delle opere della Brighella, che si è inaugurata il 9 ottobre a Milano, al Centro dell’Incisione.

I SEGRETI E I MECCANISMI DELLA METAMORFOSI TESTUALE
“[…] Il punto di vista intorno al quale ruota il libro è quello del solutore del rebus […] esso accompagna il lettore in questo complesso e affascinante percorso, non risparmiando, nei numerosi esempi, neanche uno dei dettagli del ragionamento che porta verso la soluzione […]”: è online la recensione de L’ora desiata vola a cura di Luca Martorelli, pubblicata nel numero di ottobre 2021 della rivista Leonardo, organo dell’Associazione Rebussistica Italiana.

.

***

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 170 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 1000 articoli pubblicati dal 1994 al 2020 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2020 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.