N. 508 – 21 ottobre 2019

LA FOLGORAZIONE DI SALVINI SULLA VIA DI DAMASCO
Nei giorni scorsi il Capitano ha compiuto una inversione a U impressionante, affermando che l’appartenenza dell’Italia al sistema dell’euro irreversibile: leggi il mio primo editoriale telegrafico di oggi.
Continua…

N. 507 – 7 ottobre 2019

L’ISTRUZIONE RUBATA
Il reclutamento dei docenti in Italia ha prodotto risultati fallimentari, non riuscendo nemmeno a garantire una piena copertura delle classi a inizio anno; eppure nessun governo ha il coraggio di cambiare sistema, per paura di perdere voti in un bacino elettorale che conta quasi un milione di insegnanti. l’editoriale telegrafico di Andrea Ichino pubblicato sul Corriere della Sera di venerdì.
Continua…

N. 506 – 23 settembre 2019

MEGLIO SE NON FOSSE RENZI A FONDARE IL PARTITO DI CENTRO
Nel 2012 Scelta Civica nacque in contrasto non solo con FI, che con la UE aveva rotto i rapporti, ma anche con un Pd che sposava le posizioni euroscettiche di Fassina; oggi invece proprio il Pd è la garanzia più forte dell’ancoraggio del nostro Paese al processo di integrazione europea: per questo mi sembra un errore indebolirlo e indebolire, in particolare, la sua componente liberal-democratica. Leggi il mio editoriale telegrafico di oggi.
Continua…

N. 505 – 9 settembre 2019

IL M5S E LO SPARTIACQUE FONDAMENTALE
Il mutamento netto di posizione del M5S sull’UE indispensabile affinché un Governo PD-M5S abbia un senso e quindi prospettive serie di durata (e il motivo per cui un’ipotesi di questo genere sarebbe stata impensabile un anno fa): leggi il mio editoriale telegrafico della settimana scorsa, che anticipava i contenuti essenziali della mia intervista comparsa venerdì su Italia Oggi. Continua…

N. 504 – 8 luglio 2019

LA FUGA DEI PROFESSORI DAL NORD
Chi può dar loro torto? A Ragusa il costo della vita è del 34 per cento inferiore rispetto a Milano. Se non si vuole decentralizzare la contrattazione dei livelli retributivi, che almeno si modulino i minimi tabellari secondo un indice del costo della vita regionale o provinciale: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 504. Continua…

N. 503 – 14 giugno 2019

L’AUMENTO DELLE PAGHE PER LEGGE
Nel tentativo di invertire il trend negativo dei sondaggi, il ministro del Lavoro Di Maio riscopre la bandiera della “retribuzione come variabile indipendente” (sperando che gli italiani ci credano e che il tempo della verifica sia più lontano possibile): leggi il mio primo editoriale telegrafico di oggi.
Continua…

N. 502 – 10 giugno 2019

QUANTI LUOGHI COMUNI NELLE PREDICHE AL PD SUL LAVORO!
La vecchia sinistra ha perso il voto degli operai molto prima che il Pd nascesse, per i drammatici fallimenti delle sue politiche del lavoro. Se fosse il Jobs Act la causa della sconfitta elettorale del Pd, i voti persi sarebbero andati alla sinistra-sinistra. Leggi il mio primo editoriale telegrafico di oggi.
Continua…

N. 501 – 24 maggio 2019

PERCHÉ L’EUROPA
Undici ottime ragioni per un voto che determini un’accelerazione del processo di integrazione europea: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl 501, che in via eccezionale sarà anticipata a venerdì 24, in vista delle elezioni di domenica. Continua…

N. 500 – 13 maggio 2019

QUOTA 500: UNO STRUMENTO VIVO, UN LEGAME CHE NON SI SCIOGLIE
Per oltre un decennio la Nwsl è partita nella notte del lunedì, senza mai un ritardo, in adempimento di un obbligo di rendiconto agli elettori circa l’attività svolta in Senato. Arrivati alla cinquecentesima uscita, l’obbligo specifico di rendiconto da un anno non c’è più, ma il legame con gli utenti di questo servizio è rimasto, più vivo che mai: ne sono testimonianza i messaggi che mi sono pervenuti negli ultimi giorni da tanti amici, dal sindaco di Milano Beppe Sala all’editorialista del Corriere Dario Di Vico, da Antonio Padoa Schioppa al responsabile della Pastorale sociale della Diocesi di Milano don Walter Magnoni, da Michele Salvati a Maurizio Ferrera e molti altri, raccolti in questo post.
Continua…

N. 499 – 29 aprile 2019

SOVRANISTI vs EUROPEISTI E LA DEMOCRAZIA LIBERALE
Lo spartiacque tra destra e sinistra non è tramontato; ma non si può capire la vicenda politica che l’Europa sta attraversando se non si considera questo nuovo spartiacque, tra fautori e oppositori del processo di integrazione nella UE, sul quale il 26 maggio prossimo si gioca la sorte stessa del modello di democrazia e di società aperta che la UE incarna: sono online le slides del mio intervento introduttivo al dibattito che si svolgerà a Milano, al Cinema Ariosto, lunedì 6 maggio prossimo.
Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab