LA SCIOCCHEZZA DEL “FACCIAMO DA SOLI”
Proviamo a immaginare che cosa ci accadrebbe se dovessimo affrontare questa crisi spaventosa finanziandoci con buoni del Tesoro denominati in lire italiane: non li vorrebbe nessuno. Leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 519.

LA PANDEMIA E LA PARITÀ DI TRATTAMENTO FRA I LAVORATORI
Estendere il trattamento di integrazione salariale al settore pubblico gioverebbe all’equità e consentirebbe di sostenere la parte degli stessi dipendenti pubblici-eroi che oggi è in prima linea: leggi il mio quarto editoriale telegrafico per la Nwsl n. 519.

IL PERICOLO CARESTIA E IL SERVIZIO CIVILE
Pensiamo ai rischi che possono derivare per una persona malata, o una famiglia povera, dal non poter disporre più della caldaia, o del frigorifero; oppure dall’impossibilità di approvvigionarsi di un farmaco indispensabile. Leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 519. Sullo stesso tema v. anche la dichiarazione che avevo rilasciato all’Agenzia di Stampa ADN Kronos il 23 marzo.

IL DOVERE SACRO DI DIFENDERE LA PATRIA
Non si tratta di reclutamento coatto, ma soltanto, superata la fase più critica dell’epidemia, di stabilire che – rispettate le misure di sicurezza – si possono richiamere al lavoro le persone che corrono i rischi minori. Leggi il mio terzo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 519.

PER VINCERE LA PANDEMIA SENZA UCCIDERE L’ECONOMIA
L’economia mondiale potrà sopportare solo per poche settimane le misure restrittive che stiamo vivendo: il rischio di una recessione profonda e duratura è reale e il vaccino potrebbe arrivare troppo tardi. Una via d’uscita è tuttavia possibile: è online anche su questo sito la proposta di un gruppo di economisti pubblicata in inglese su vox.eu e in italiano sul sito corriere.it.

PERCHÉ COSÌ TANTI MORTI DA COVID-19 IN LOMBARDIA?
Non basta a spiegarlo né l’alta percentuale degli anziani, né quella dei contagiati non sottoposti al test: la letalità dipende in gran parte dal rapporto tra malati gravi e posti-letto in reparti di terapia intensiva. Leggi l’articolo degli economisti Carlo Favero, Andrea Ichino e Aldo Rustichini pubblicato venerdì sul quotidiano il Foglio e il sito lavoce.info.

UN FUTURO NON SCONTATO DELLO SMART WORKING
L’esperienza di queste settimane di esplosione del lavorare da casa mostra quanto questo sia difficile farlo quando non si dispone di un’abitazione abbastanza grande. Il futuro potrebbe riservarci il proliferare dell’offerta capillare di postazioni di lavoro a distanza vicine a casa ma distinte dall’ambiente domestico. Leggi la mia intervista a Vanity Fair di questa settimana.

Pasquale Tridico, presidente dell’Inps designato dal M5S

INPS, LE VERE CAUSE DELLA DISFATTA DELLA GESTIONE TRIDICO
Il flop del sistema informatico è solo la punta dell’icerberg di una gestione monocratica dell’Inps voluta dai Cinque Stelle che s’è accollata compiti insostenibili e ha disperso e mortificato le competenze professionali interne: leggi l’articolo di Giuliano Cazzola, pubblicato venerdì sul sito firstonline.

STORIE PARALLELE DI IMPEGNO POLITICO IN LOMBARDIA
Un ex allievo ed ex collega in Parlamento ricorda pezzi di vita privata e di storia del Paese che la lettura de La casa nella pineta gli ha fatto rivivere: leggi la lettera di Enrico Farinone, già deputato del PD nella XVI legislatura.

PER CHI VUOLE DARE UNA MANO ALLA LOTTA AL VIRUS
È importante individuare tutti gli obiettivi rilevanti di qualsiasi intervento terapeutico contro l’infezione da coronavirus: che non necessariamente sono solo quelli che hanno originariamente in testa i ricercatori. Su questo terreno anche il contributo di chi non è né medico né infermiere è molto utile. Qui l’invito e il link al questionario online.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 150 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.