Mario Draghi

APPELLO A DRAGHI SUL GREEN PASS NELLA SCUOLA
Una legge che, come nella sanità, prevedesse l’obbligo di vaccinarsi per tutto il personale scolastico sarebbe altamente auspicabile; ma la misura potrebbe anche essere adottata direttamente dal ministero, quale datore di lavoro, a norma dell’articolo 2087 del codice civile. Leggi la lettera aperta al Presidente del Consiglio di un gruppo di studiosi, giornalisti e politici, con  le indicazioni su come aderire. Sono online anche i miei articoli e interviste pubblicati:
–   oggi su il Foglio: Un’idea del Governo da sostenere: vaccinare la P.A.
–   mercoledì sul sito Corriere.it;
–   martedì sull0 Huffington Post;
–   sabato sul sito Firstonline;
–   venerdì dal Corriere della Sera;
–   giovedì da Italia Oggi; inoltre:
–   una lettera e la mia risposta sulla questione relativa alla posizione assunta dal Garante della Privacy.

CONTRATTO PER I RIDER: UN “SEMBRA” NON BASTA
Un decreto del Tribunale di  Bologna del 30 giugno pretende di risolvere la questione della disciplina applicabile al lavoro dei ciclofattorini senza indicare i confini della “categoria” cui si riferisce e prescindendo da qualsiasi verifica della rappresentatività dei sindacati concorrenti  in seno ad essa, solo sulla base di una (ritenuta) apparenza: leggi il mio commento “a caldo” a questa decisione, in corso di pubblicazione sulla rivista Lavoro Diritti Europa.

DDL ZAN: IL VALORE DI UNA MAGGIORANZA MOLTO AMPIA
Se il provvedimento venisse approvato da una maggioranza larga, il suo più efficace impatto sulla cultura diffusa nel Paese compenserebbe largamente i tagli apportati, secondo gli emendamenti proposti da Italia Viva. Leggi il mio editoriale telegrafico per l’inizio del dibattito in Senato su questo provvedimento.

LA GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE SUI LICENZIAMENTI PER GMO
Commento delle sentenze n. 194/2019 e n. 59/2021 sulla riforma dell’apparato sanzionatorio per il caso di difetto o insufficienza del motivo economico addotto a giustificazione del recesso del datore di lavoro. È online la mia comunicazione al webinar promosso dall’Università Ca’ Foscari di Venezia, in corso di pubblicazione sulla rivista Lavoro Diritti Europa.

OCCORRE DETASSARE IL LAVORO FEMMINILE
Pensare che un rafforzamento dei servizi per l’infanzia possa consentire alle donne di lavorare in condizioni di parità con gli uomini significa dare per scontato che siano le donne a doversi occupare dei figli; occorre invece rendere, mediante la leva fiscale, una distribuzione paritaria dei compiti di cura più conveniente per la coppia. Leggi l’articolo di Andrea Ichino pubblicato il 14 luglio sul quotidiano Il Foglio.

C’È CHI TROVA QUESTA MIA PASSIONE UN REBUS
I rebus sono una metafora della realtà, e in particolare della politica; quel che vediamo è spesso solo apparenza sotto cui si cela una verità nascosta: dobbiamo imparare a leggerla. È online la mia intervista a cura di Antonio Di Pollina pubblicata sul Venerdì di Repubblica il 23 luglio.

CHE COSA HANNO IN COMUNE I REBUS E I TITOLI DI CREDITO
“[…] Come nei rebus l’apparenza lascia il posto a una diversa lettura, a una diversa sostanza, anche nei titoli di credito coesistono la letteralità (che regola i rapporti tra l’obbligato e i successivi portatori del titolo) e la causalità (che regola i rapporti fra le parti che lo hanno negoziato): una  sorta di ‘doppio binario’ […]”. Leggi la lettera dell’amico avvocato Alessandro Nicolini, a proposito del mio ultimo libro L’ora desiata vola.

Enrico Brugnatelli

LE ATMOSFERE DI GIOCO E L’USO DIDATTICO DELL’ENIGMISTICA
“[…] ho rivissuto nel tuo libro le atmosfere di gioco e di scambio che anche mio padre [nella foto qui a destra – n.d.r.] mi ha descritto nei suoi racconti di infanzia e gioventù con tuo zio Giangiotto […] Penso che l’enigmistica dovrebbe essere introdotta nelle scuole perché fornisce col gioco strumenti logici matematici e lessicali straordinari! […]”. È online la lettera di Rosa Maria Brugnatelli, anch’essa riferita al mio libro L’ora desiata vola.
.


Questo è il secondo di una serie di miei rebus
la cui pubblicazione su riviste e giornali vari
è programmata per quest’estate.
Il un apposito post comparirà via via
la soluzione ragionata di ciascuno dei rebus pubblicati.

 

  ***

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 170 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 1000 articoli pubblicati dal 1994 al 2020 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2020 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.