IL MANIFESTO PER UNA LISTA UNICA DEGLI EUROPEISTI
“L’Unione è […] un grande conseguimento della storia, ma come ogni costruzione umana è reversibile se non si è pronti a combattere per difenderla e farla progredire: i cittadini europei sono oggi chiamati a questo compito“. Ho ripreso su questo sito il manifesto lanciato da Carlo Calenda il 18 gennaio, con il link che consente l’adesione online. Hanno aderito subito tutti e tre i candidati alla Segreteria nazionale del Pd, Giachetti, Martina e Zingaretti. Invito tutti i frequentatori di questo sito a fare altrettanto.

Mons parturiens murem

LOTTA ALLA POVERTÀ E “QUOTA 100”: I DUE TOPOLINI ZOPPI
Il meccanismo del sussidio varato dal Governo è viziato da tre gravi difetti. Quanto alle pensioni, per fortuna la misura varata non è una contro-riforma pensionistica, bensì soltanto uno schema di pre-pensionamento destinato a cessare nel 2021: ma che senso ha spendere quattro miliardi (dei nostri figli) in questo modo? È online la mia intervista di oggi all’Agenzia di stampa AdnKronos.

Salvini a Ciampino

LE SGRAMMATICATURE DEL MINISTRO-POLIZIOTTO
Coll’auspicare che Cesare Battisti “marcisca in carcere fino all’ultimo dei suoi giorni” Salvini – ministro peraltro non competente – si è messo sul suo stesso piano, mostrando di ignorare l’articolo 27 della Costituzione: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 492.

IL VERO CAMBIAMENTO DELLA SCUOLA MEDIA SUPERIORE…
… sarebbe la possibilità di scelta del mix delle materie, che è consentita dai sistemi scolasticipiù evoluti. Ma in Italia prevale ancora il vecchio sistema che offre solo “pacchetti a menù fisso”, relitto di una società classista che non vuole la mobilità sociale. Leggi l’articolo di Andrea Ichino sul Corriere della Sera del 10 gennaio.

ANTONIO PADOA SCHIOPPA SPIEGA “PERCHÉ L’EUROPA”
Nella forma dell’intervista fattagli da un giovane elettore, il pensatore europeista che oggi in Italia meglio incarna e aggiorna la tradizione europeista liberal-democratica propone un vero e proprio manuale, contenente le informazioni dettagliate su tutti gli aspetti e i problemi, istituzionali, politici e culturali della costruzione della nuova UE. Leggi una pagina di Perché l’Europa. Dialogo con un giovane elettore, Ledizioni, pp. 188, € 12 (ma scaricabile anche dal sito euwiki.eu).

I LIMITI DELL’ACCOGLIENZA, PER COSTRUIRE LA NUOVA UE
L’imperativo morale della “porta aperta a tutti” non può essere trasferito meccanicamente sul piano politico, in questa Europa i cui cittadini sono in larga maggioranza fortemente preoccupati dai flussi migratori: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 492.

UN REALISMO CONQUISTATO SUL CAMPO
“[…] Il riformismo concreto di Pietro Ichino nasce dalla conoscenza diretta della realtà della fabbrica e lo porta a perseguire la difesa del lavoro attraverso soluzioni giuridiche e contrattuali diverse da quelle tradizionali […]”: è online la recensione de La casa nella pineta a cura di Aldo Novellini, uscita su La Voce e il Tempo, organo della diocesi di Torino.

LE UMBRELLA COMPANIES COME DIFESA NELLA GIG ECONOMY
Le alternative alleconomia del lavoro volatile come la conosciamo ora: un disegno di legge e due idee di cooperative-piattaforma, per dare continuità di reddito e previdenza ai gig workers: è online l’inchiesta di Lorenzo Pirovano pubblicata sul sito di RaiNews, con una video-intervista  a me, una a Demetrio Chiappa e una a Donato Nubile.

MARIO DRAGHI: L’EUROPA E L’EURO VENT’ANNI DOPO
Con un discorso memorabile, in occasione del conferimento della laurea honoris causa da parte della Scuola Sant’Anna di Pisa, il Presidente della Banca Centrale Europea spiega gli enormi meriti e benefici, oltre che i limiti ancora da superare, del sistema monetario continentale nato alla fine del secolo XX. E quanto sarebbe folle abbandonarlo.

don Luigi Sturzo

A 100 ANNI DALLA FONDAZIONE DEL PARTITO POPOLARE
Già nell’immediato dopoguerra don Luigi Sturzo denuncia la tendenza malsana alla moltiplicazione degli enti pubblici e la necessità che lo Stato si limiti a favorire lo sviluppo della capacità imprenditoriale dei cittadini: leggi due sue brevi citazioni, con un ancora più breve commento.

IL MIO CORSO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO DEL LAVORO
Un’introduzione sistematica allo studio dei capitoli principali della disciplina del rapporto individuale di lavoro, aggiornata agli ultimi sviluppi della materia:  sono online le slides relative alle prime sedici lezioni del corso che sto svolgendo all’Università di Milano dal 9 gennaio e proseguirà fino alla fine di marzo. Questa settimana si sono aggiunte le slides sul Debito di lavoro e su Parità di trattamento, discriminazioni, inquadramento professionale.

 

    *   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.