BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: UNA STRANA PASSIONE BI-PARTISAN
Dove viene attivata la Cig-Covid, neppure l’impresa più gravemente in crisi ha interesse a licenziare. Né la proroga del divieto può giustificarsi – come sembra volerla giustificare il ministro del Lavoro – con l’attesa della “rifoma degli ammortizzatori”, della quale neppure lui stesso sa indicare il contenuto. Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 546.

INTERVISTA SUL LAVORO, IL PD E I GIUSLAVORISTI
I miei rapporti con il Pd di oggi, così incerto sulla politica del lavoro, con il Pd di ieri, e con il mondo dei giuslavoristi italiani. Il perché dell’impegno dedicato alla nuova guida al mondo dei rebus, così apparentemente estranea a tutto quanto ho scritto prima d’ora. È online una mia intervista molto ampia, a cura di Alessandra Ricciardi, pubblicata la settimana scorsa su Italia Oggi.

LA CIG-COVID RENDE IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI DEL TUTTO INUTILE
Se si proroga la Cassa integrazione incondizionata e gratuita per le imprese, il divieto delle riduzioni di personale è del tutto superfluo, perché a quel punto nessun imprenditore ha interesse a licenziare. D’altra parte, lo shock nel mercato del lavoro sarà tanto maggiore quanto più si rinvierà il momento in cui il problema occupazionale viene affrontato. Leggi la mia intervista pubblicata venerdì su Formiche.net.

IL SINDACATO NELL’ERA DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Il compito principale del sindacato 4.0 non è tanto quello del “guardiano dei diritti”, quanto quello di dare alle persone l’assistenza necessaria perché possano usare il mercato del lavoro a proprio vantaggio e, in azienda, consentire la partecipazione attiva delle persone all’impresa e alla divisione dei suoi frutti. Leggi l’articolo, tratto dal quarto capitolo de L’intelligenza del lavoro, pubblicato nel quaderno n. 4/2021 della Fondazione PER  e in corso di pubblicazione nella rivista Nuova Atlantide.

IL PASS VACCINALE SMENTISCE IL GARANTE DELLA PRIVACY
L’istituzione della certificazione circa il grado di immunità al Covid-19 da parte dell’ordinamento europeo e di quello italiano costituisce la migliore dimostrazione del carattere eminentemente disponibile del diritto al riserbo sui dati personali e in particolare su questo dato: è online la mia videointervista a cura di Francesco Forti su questo tema.

Guglielmo Epifani

EPIFANI: IL RIFORMISTA GENTILE CHE NON HA FATTO LE RIFORME
“[…] Ho sempre avuto molta simpatia per lui, che aveva una finezza e una sensibilità non comune […] con lui era quasi impossibile litigare […] Proprio per questo mi pare giusto dire alcune cose fuori dalla modalità coccodrillo ma che rispondono a verità: credo che non se la prenderebbe e accetterebbe caso mai di discuterne […]”. Leggi l’articolo con cui Claudio Negro ricorda la figura dell’ex-segretario generale della Cgil e del Pd.

 

Il rebus con cui l’intervista è stata illustrat

I REBUS, COME GLI SCACCHI, SONO UNA METAFORA DELLA VITA
“La parola rebus viene dal latino, significa ‘con le cose’: vuol dire che sotto l’apparenza delle cose che percepiamo può nascondersi una verità diversa; nei sogni viviamo un’esperienza analoga, e il lavoro di scavo per trovare il significato nascosto delle immagini è simile a quello che si fa per trovare la soluzione di un rebus”: è online l’intervista a cura di Francesca Schianchi su L’ora desiata vola, pubblicata su La Stampa la settimana scorsa.

IL REBUS NEL GIOCO, NEL LAVORO, NELLA POLITICA
Come è nata la guida che è stata presentata sabato a Milano. I rebus come metafora della vita, nella quale accade frequentemente che sotto l’apparenza delle cose si nasconda un’altra verità. Leggi la mia presentazione del libro pubblicata venerdì su Firstonline e – se può servire – utilizza la nuova sezione di questo sito dedicata al mondo dei rebus.

Rebus de Il Langense disegnato da La Brighella

IN CHE COSA STA IL FASCINO DEI REBUS
Riporto qui due lettere di altrettanti rebussisti italiani molto noti, pervenutemi a seguito dell’uscita in libreria de L’ora desiata vola:
   – la lettera di Luca Patrone (noto sotto il nome d’arte Il Langense): “nel libro il rebus viene letteralmente sviscerato e visto dalla parte del solutore […], così da invitare il lettore medio, che non è necessariamente un addetto ai lavori, ad appassionarsene”;
la lettera di Luca Fiocchi Nicolai, autore anch’egli di alcuni tra i rebus più noti e apprezzati: “La poesia, la salvezza, il riscatto di questo comparto dell’enigmistica – altrimenti arido, puramente meccanico – sono affidati all’estro, al genio, alla poesia di disegnatori capaci di dare un’anima, una consapevolezza all’arido e incompleto lavoro dell’autore testuale”.

  ***

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 170 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 1000 articoli pubblicati dal 1994 al 2020 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2020 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.