UN RUOLO PER IL PD – 1. L’ALTERNATIVA A ROMANIZZARE IL M5S
Un modo diverso dall’alleanza strategica con il M5S, e molto migliore, per ancorare davvero l’Italia alla UE e all’Occidente. Sarà online domani il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 526, pubblicato contemporaneamente da il Foglio, che rispode alla domanda posta da Alessandro Maran sullo stesso quotidiano martedì scorso.

La responsabile nazionale Pd per la Funzione Pubblica

UN RUOLO PER IL PD – 2. RICONCILIARE LE DUE ITALIE
Un partito che ambisce a essere la spina dorsale della democrazia del Paese non può eludere il problema della lacerazione tra l’Italia cui tutto è dovuto e l’Italia dei non garantiti: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 526, che è anche la mia risposta a un intervento recente della responsabile nazionale Pd per la funzione pubblica.

L’intervistatore, Vincenzo A. Poso

DIALOGO SU L’INTELLIGENZA DEL LAVORO (E DINTORNI)
Il mio itinerario intellettuale ed esistenziale, dal decennio di lavoro nella Cgil milanese agli esordi dell’impegno universitario con i professori Luisa Riva Sanseverino e Carlo Smuraglia, poi alla collaborazione con Giuseppe Pera per la Rivista italiana di diritto del lavoro e con Luigi Mengoni per il Trattato di diritto civile e commerciale; dalla prima esperienza parlamentare nell’VIII legislatura a quella nella XVI e nella XVII. Leggi l’ampia intervista a cura di Vincenzo Antonio Poso, pubblicata sulla rivista trimestrale Diritti Lavoro Europa.

UN’IDEA SBAGLIATA DELLO SMART WORKING
Un emendamento di maggioranza in discussione alla Camera rischia di fare della possibilità di lavorare da casa un privilegio per una parte dei dipendenti pubblici, senza l’indispensabile ammodernamento delle amministrazioni sul piano tecnico, organizzativo e culturale. È online il mio articolo pubblicato lunedì su lavoce.info.

TRE DOMANDE PER SMASCHERARE IL FALSO SMART WORK
Per esempio, quello degli addetti alle cancellerie che non hanno accesso alla Rete Unica Giustizia, della funzionaria di consolato che non risponde alle mail e il cui cellulare non compare sul sito, degli studi notarili che non comunicano a distanza con gli uffici comunali dello stato civile: quando il lavoro agile non è posto in condizione di poter funzionare. Leggi anche la lettera molto significativa di una dipendente pubblica comparsa su il Giorno il 1° luglio: I difetti di impianto del lavoro agile nel settore pubblico.

I RISCHI E GLI ABUSI DEL SOSTEGNO DEL REDDITO
L’impressione è che il Governo stia utilizzando troppo disinvoltamente lo strumento dell’integrazione salariale, sottovalutando sia il rischio degli abusi, sia quello di un dannoso addormentamento del tessuto produttivo. Leggi la mia intervista pubblicata martedì su il Foglio.

IL MERCATO DEL LAVORO DEI CINQUANTENNI
I dati statistici indicano una difficoltà nel mercato del lavoro maggiore per i ventenni che per i quaranta-cinquantenni. Che cosa può ostacolare la rioccupazione di un lavoratore maturo. È online la mia intervista al settimanale Elle, uscita martedì.

UN NUOVO MASTER IN SERVIZI PER L’IMPIEGO
Istituito dall’Università degli Studi di Milano, con possibilità di copertura integrale della retta di iscrizione mediante la DUL-Dote Unica Lavoro della Regione Lombardia, si svolgerà nell’anno accademico 2020-21. Sono online tutti i dati relativi ai contenuti formativi e didattici, il corpo docente, modalità e termini per l’iscrizione.

LA POLITICA DEL LAVORO PER USCIRE DALLA CRISI
Far funzionare bene l’incontro fra domanda e offerta serve non soltanto per mettere a frutto i giacimenti occupazionali oggi non utilizzati, ma anche per rendere il Paese più attrattivo per il meglio dell’imprenditoria mondiale, così aumentando la domanda di lavoro. Leggi la mia intervista al mensile Tempi, in occasione della pubblicazione de L’intelligenza del lavoro.

UNA SORTA DI SEGUITO DE LA CASA NELLA PINETA
Non si arriva mai sufficientemente preparati alle grandi prove della vita; ma nulla si improvvisa, tutto è il frutto di un cammino, di esperienze vissute, di insegnamenti recepiti, che poi arrivano in soccorso. Leggi l’articolo di Irene Trentin pubblicato su Avvenire del 28 giugno.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 160 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.