CONTRATTO PER I RIDER: È DAVVERO “PIRATA”?
Il nuovo ccnl ha lacune e difetti; ma è il primo al mondo per questo settore e garantisce alcuni diritti essenziali: un passo avanti notevole, dunque. Inoltre ha il merito di salvare il settore dalla paralisi cui sarebbe stato altrimenti condannato dal d.-l. n. 101/2019. Leggi il mio commento pubblicato oggi su lavoce.info – anche in relazione alle prese di posizione del ministro del Lavoro e di Cgil, Cisl e Uil, che hanno qualificato questo ccnl come un “contratto pirata” – il cui contenuto è sintetizzato nell’editoriale telegrafico per la Nwsl n. 528.

L’INFORMAZIONE SULLO SCIOPERO INCLUDA L’ADESIONE PREVEDIBILE
Se la stampa e le scuole informassero le famiglie e gli studenti dei tassi di partecipazione registrati in passato alle agitazioni proclamate dalle sole sigle minori, gran parte dell’allarme svanirebbe. Leggi l’editoriale telegrafico di Orsola Razzolini (nella foto qui a destra), professoressa di diritto del lavoro nell’Università degli Studi di Milano.

QUANDO LA BUROCRAZIA VALUTA SE STESSA
… e si promuove a pieni voti: la regola della valutazione, introdotta con la riforma del 2009, è vanificata dalla fissazione di obiettivi di comodo, comunque attinenti al volume dell’attività svolta e non ai suoi risultati. Leggi l’articolo di Marco Ruffolo (nella foto qui a sinistra) pubblicato su la Repubblica-Affari & Finanza di lunedì scorso.

LO SMART WORKING TRA PUBBLICO E PRIVATO
I quattro requisiti indispensabili perche possa configurarsi e svilupparsi il lavoro agile; e che cosa è accaduto, in mancanza di tutti o parte di questi requisiti, nelle aziende e nelle amministrazioni: sono online le slides della mia comunicazione svolta giovedì nel corso del webinar promosso dall’AGI-Associazione Giuslavoristi Italiani e dall’Università Federico II di Napoli. In argomento v. anche il mio articolo destinato a un libro in corso di pubblicazione per iniziativa della Fondazione Zaninoni, La prospettiva della diffusione dello smart working.

.

LA LIBERTÀ PER TUTTI DI SCEGLIERSI L’IMPRENDITORE
Ciò che pone la parte professionalmente debole della forza-lavoro in posizione di svantaggio nei confronti della controparte non è una maledizione divina, ma il difetto di una rete capillare di servizi nel mercato del lavoro, che consenta a tutti di sfruttare i grandi giacimenti occupazionali esistenti. Leggi la mia intervista pubblicata il 10 settembre dalla Gazzetta di Modena., in occasione della presentazione de L’intelligenza del lavoro in quella città.

UNA NUOVA CULTURA DELL’EMANCIPAZIONE DEL LAVORO
Per una strategia di liberazione delle persone che vivono del proprio lavoro dalla soggezione nei confronti dell’imprenditore: scarica il video dell’intervista a cura di Nunziante Mastrolia e Antonluca Cuoco, per il sito Stroncature 2020. Leggi anche la lettera di una giovane avvocatessa di Udine sui motivi che l’hanno indotta a consigliare L’intelligenza del lavoro a un suo amico sindacalista.

*   *   *

IL GITARIO: IN MTB PER MULATTIERE E MARMIFERE APUANE
Due itinerari che si aggiungono al Repertorio già noto ai frequentatori di questo sito:
– un anello inedito di circa 400 metri di dislivello, che attraversa due borghi antichi dell’alta Versilia e può combinarsi utilmente con altri itinerari non meno belli, per chi abbia maggiori capacità atletiche: Ruosina-Basati-Cerreta Sant’Antonio;
– uno splendido anello su strada e fuori-strada di circa 1300 metri di dislivello complessivo, intorno al Monte Altissimo nel cuore delle Alpi Apuane, per bikers ben allenati: il Giro del Cipollaio e del Vestito attraverso la Cava del Fondone.

Il Gitario, con tutte le indicazioni e le immagini relative a 120 itinerari di trekking e/o mountain bike sulle Alpi Apuane, è ora disponibile come pagina permanente di questo sito (raggiungibile mediante il tasto situato nella barra orizzontale sotto la testata).

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 160 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 al 2017 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2017 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.