SE L’EPIDEMIA METTE LE ALI ALLO SMART WORKING
L’esigenza di arginare il contagio induce molte aziende a consentire che i dipendenti svolgano il lavoro da casa; e il Governo a rimuovere o alleggerire alcuni vincoli inopportunamente imposti al “lavoro agile” con la legge di tre anni fa. È online il mio articolo pubblicato oggi sul sito lavoce.info.

QUANDO IL VIRUS SI RIVELA PIÙ EFFICACE DEI TERRORISTI
Paradossalmente, contro la globalizzazione il germe di dimensioni infinitesimali fa molto di più e più in fretta di tutti i gruppi di Al Qaeda e dell’Isis messi insieme; ma dalla crisi la globalizzazione può uscire rafforzata. Leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 516.

SE SULLA UE LA LEGA FA IL PESCE IN BARILE
Con le dichiarazioni di Salvini, Borghi, Giorgetti e Bagnai, che sull’Europa si contraddicono a giorni alterni, il Carroccio non riesce proprio a prendere una posizione credibile sul piano internazionale. Leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 516.

CIASCUNO SI PAGHI LA PROPRIA PENSIONE FLESSIBILE
Chi vuole andare in quiescenza prima deve poterlo fare, ma ottenendo una rendita vitalizia calcolata in base alla minore contribuzione versata e al periodo più lungo durante il quale prevedibilmente la rendita verrà percepita. Leggi la mia intervista pubblicata ieri sul sito Formiche.it su come superare la stortura di “quota 100”.

RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI: PERCHÉ TANTO SCANDALO?
Dispiace che se ne diminuisca il numero senza diminuire quello delle Camere cui spetta dare la fiducia al Governo; però le denunce di questa come una “ferita inferta alla Costituzione” sono davvero fuori luogo. Ripubblico l’editoriale telegrafico del 9 ottobre scorso per motivare la mia opzione – non entusiastica, ma neppure preoccupata – per il “Sì” al referendum del 29 marzo.

Andrea Ichino

SCAPPANO I GIOVANI CHE RIFIUTANO L’APPIATTIMENTO
C’è un nesso tra il cedimento del Governo alle pressioni per “secretare” i risultati dei test Invalsi e il crescere del numero dei ragazzi che se ne vanno all’estero. Leggi l’editoriale telegrafico di Andrea Ichino sul Corriere della Sera del 18 febbraio.  Sullo stesso argomento sono online anche  quello di Aldo Grasso del 16 febbraio e un articolo di Andrea Ichino pubblicato sul quotidiano il Foglio del 19 febbraio, sui due modelli, quello USA e quello europeo, di valutazione del lavoro universitario.

I RICORDI FONDATIVI PER LE NUOVE GENERAZIONI
“[…] Pensare che i sentimenti tra le persone, l’amore per lo studio, la passione civile, le intelligenze, la riflessione personale possano essere condivise e tramandate all’interno del nucleo, e allo stesso tempo siano capaci di dialogare con il mondo, è la ragione principale per cui una famiglia ha ragione di esistere […]”. È online il messaggio di una lettrice de La casa nella pineta.

LA STRANA VITA DI GIGI PEDROLI: UN RACCONTO AVVINCENTE
“[…] Pagine che attraggono così tanto, che in una giornata si arriva all’ultima parola, con la voglia di riprenderne daccapo la lettura […]”. Leggi la recensione a cura di Franco Presicci de Il segreto del Naviglio Grande, pubblicata sul sito Minerva News, organo dell’Università del Tempo libero e del Sapere di Crispiano (Taranto).

IN CHE COSA LA SHOAH FU DIVERSA DALLE FOIBE
Anche l’atrocità degli italiani uccisi nelle foibe è un abominio. Ma il genocidio nazista degli ebrei merita uno spazio e una riflessione a sé, nella nostra memoria, perché fu la conseguenza di un odio non dettato da vendetta o da interesse economico, politico, o territoriale: fu odio puro, fine a sé stesso. Leggi la mia risposta a un lettore che non ha gradito la pubblicazione del video dell’intervento di Liliana Segre al Parlamento Europeo nel giorno dedicato alle vittime dei partigiani titini.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 150 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.