IL GRANDE INQUISITORE IN SEGGIOVIA
Una ballata scherzosa, dedicata a Saverio Borrelli sulle nevi del Monte Bianco, con l’appropriato controcanto, nel ricordo della sua amicizia, della sua umanità e del suo sorriso: leggi le due pagine estratte da La casa nella pineta, nel giorno dell’addio a un magistrato esemplare.

LA FUGA DEI PROFESSORI DAL NORD
Chi può dar loro torto? A Ragusa il costo della vita è del 34 per cento inferiore rispetto a Milano. Se non si vuole decentralizzare la contrattazione dei livelli retributivi, che almeno si modulino i minimi tabellari secondo un indice del costo della vita regionale o provinciale: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 504.

Il prof. Mario Rusciano

ANCORA SU MINIMI TABELLARI E COSTO DELLA VITA
Il professor Mario Rusciano contesta la mia proposta di differenziare i minimi tabellari in funzione degli indici regionali del costo della vita, al fine, quanto meno, di parificare i minimi stessi in termini di potere d’acquisto effettivo: leggi il suo primo messaggio, la mia risposta, un suo intervento ulteriore e una mia breve replica. In argomento v. anche l’articolo di Tito Boeri pubblicato su La Repubblica, Legare gli standard retributivi al costo della vita è equo e necessario.

FORMAZIONE: IL PASSO IN PIÙ INDISPENSABILE
Per abbattere il muro tra domanda e offerta di lavoro giovanile occorre attivare un meccanismo di misurazione sistematica, a tappeto, dell’efficacia dei corsi finanziati con il denaro pubblico, per orientare meglio il finanziamento e consentire l’attivazione di un servizio efficace di orientamento scolastico e professionale: leggi il mio articolo pubblicato su la Repubblica la settimana scorsa.

LO SPREAD DEL SENSO CIVICO
Il difetto di cultura delle regole che ci affligge è un indice della debolezza strutturale del nostro sistema-Paese più eloquente di quanto sia lo spread degli interessi sui BoT decennali (e di questo, più che del nostro debito pubblico, si preoccupano in realtà i nostri partner europei, con piena ragione): leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 504.

G. Giugni e G. Pera

JOB PROPERTY E LIABILITY: CHE COSA NE PENSAVA GINO GIUGNI
“La riforma più sensata era […] quella proposta da Mengoni nella relazione al Cnel del 1985, che limitava l’obbligo secco di reintegrazione ai casi di nullità del licenziamento […], lasciando negli altri casi la facoltà di opzione per un congruo risarcimento”. Ho scelto una citazione testuale tratta da un’intervista rilasciata dal grande giuslavorista nel 1993, con un mio brevissimo commento, come terzo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 504.

TRA IL SINDACATO E IL GOVERNO GIALLO-VERDE
Anche sul piano dell’azione sindacale è sempre più evidente l’importanza del nuovo spartiacque fondamentale della politica italiana ed europea, tra pro-UE ed euroscettici. Occupazione: perché gli ultimi dati positivi non bastano per essere ottimisti. È online la mia intervista pubblicata sul mensile della FNP-Cisl Contromano.

Il professor Francesco Daveri

SE IL PIL NON CRESCE LA DISOCCUPAZIONE NON SCENDE
Qualche calcolo a partire dai dati sulla disoccupazione degli ultimi dieci anni mostra l’inversione di tendenza consentita dalle riforme Poletti-Renzi e il contributo della crescita del Pil al calo dei senza lavoro. È invece presto per valutare gli effetti del “decreto dignità”. Leggi l’articolo di Francesco Daveri, professore di Macroeconomia alla Bocconi, pubblicato su lavoce.info, di cui è direttore.

LO STUPORE E L’ENTUSIASMO PER LE COSE SEMPLICI
Un amore mansueto e intelligente per l’umanità e il mondo che la circonda, nutrito dell’umorismo e dell’autoironia di chi sa che l’assoluto non è di questa terra e neppure dei sentimenti umani: la vita e le arti di Gigi Pedroli (foto qui a sinistra) in una mostra che si apre a Castel Caprese, nella Casa natale di Michelangelo, e in un libro che uscirà in autunno.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 150 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.