LE RADICI ANTICHE DEL “SÌ”
Senza entusiasmo, perché questa è una riforma piccola piccola; ma i pericoli per la democrazia sbandierati dai fautori del “no” non li vedo proprio; e non penso che su una materia come questa si possa votare col solo criterio di fare il contrario di quello che propone il M5S. Leggi la mia intervista di oggi a la Repubblica, a cura di Liana Milella. In precedenza su questo sito, sullo stesso tema:
il mio articolo pubblicato il 14 agosto su il Foglio (cui risponde su questo sito, dissentendo garbatamente, Nino Labate);
– l’articolo di Tito Boeri e Roberto Perotti pubblicato il 7 settembre su lavoce.info, Perché un parlamento più piccolo funziona meglio.

LO SMART WORKING TRA PUBBLICO E PRIVATO
I quattro requisiti indispensabili perche possa configurarsi e svilupparsi il lavoro agile; e che cosa è accaduto, in mancanza di tutti o parte di questi requisiti, nelle aziende e nelle amministrazioni: sono online le slides della mia comunicazione svolta oggi nel corso del webinar promosso dall’AGI-Associazione Giuslavoristi Italiani e dall’Università Federico II di Napoli.

LA LIBERTÀ PER TUTTI DI SCEGLIERSI L’IMPRENDITORE
Ciò che pone la parte professionalmente debole della forza-lavoro in posizione di svantaggio nei confronti della controparte non è una maledizione divina, ma il difetto di una rete capillare di servizi nel mercato del lavoro, che consenta a tutti di sfruttare i grandi giacimenti occupazionali esistenti. Leggi la mia intervista pubblicata il 10 settembre dalla Gazzetta di Modena.

QUANDO LA SCUOLA È AL SERVIZIO DEL PROPRIO PERSONALE
“[…] Le categorie degli insegnanti e degli amministrativi e tecnici si stanno proteggendo indiscriminatamente senza tener conto degli interessi essenziali del fruitore dell’insegnamento, il cui diritto all’istruzione viene messo sistematicamente all’ultimo posto […]”. Leggi la denuncia di una madre esasperata dall’eccesso di sudditanza dell’amministrazione scolastica nei confronti dei sindacati del settore.

ANCORA SU EFFICIENZA DELLE AMMINISTRAZIONI E COVID
Un esempio di buona reazione del settore pubblico all’emergenza: come il Comune di Firenze ha fatto fronte alle sfide dalla pandemia. E un esempio, invece, di quel che accade quando un ufficio pubblico decide tardivamente di avvalersi delle tecnologie informatiche e telematiche, per poi perdersi in un bicchier d’acqua: una testimonianza dal vivo. È online anche la raccolta in ordine cronologico di tutti i documenti, schede, testi legislativi, articoli, interviste e lettere pubblicati su questo sito in tema di lavoro agile e sulle roventi polemiche di queste ultime settimane in riferimento all’utilizzazione di questa forma di organizzazione del lavoro nel settore pubblico.

LA “SCOPERTA” DEI GIACIMENTI OCCUPAZIONALI INUTILIZZATI
“[…] È davvero incredibile per una persona non addetta ai lavori scoprire che in Italia ci sono così tante offerte di lavoro difficili da soddisfare insieme a così tanti disoccupati e allo stesso tempo scoprire che si potrebbe fare qualcosa di concreto per risolvere il problema e non lo si fa […]”. È online la lettera assai interessante di un responsabile commerciale del settore auto.

UNA LETTERA SUL DRAMMA DELL’ALZHEIMER
[…] All’improvviso era diventato un bambino che dipendeva in tutto da me, non pronunciava il mio nome, non so se mi riconosceva; io continuavo a parlargli e a raccontargli tutto delle nostre giornate con la speranza che almeno qualche parola arrivasse al suo cuore […]. È online la lettera di Teresa Viola Forlenza, a seguito della mia intervista al Corriere della Sera dell’11 maggio.

La pieve di Barbiana

DON LORENZO MILANI E LE RADICI DEL TERRORISMO ROSSO
“L’avversione per i borghesi e i ricchi, se si toglie lo scudo del cristianesimo, non porta dritto dritto all’odio di classe, all’estremismo, ed eventualmente alla violenza?”. Leggi l’interessante domanda posta da un lettore, a seguito della lettura de La casa nella pineta (e in particolare di una lettera del Priore di Barbiana ai miei genitori, del 1959, riprodotta in appendice al libro), con la mia risposta.

UNA NUOVA CULTURA DELL’EMANCIPAZIONE DEL LAVORO
Per una strategia di liberazione delle persone che vivono del proprio lavoro dalla soggezione nei confronti dell’imprenditore: scarica il video dell’intervista a cura di Nunziante Mastrolia e Antonluca Cuoco, per il sito Stroncature 2020. Leggi anche la lettera di una giovane avvocatessa di Udine sui motivi che l’hanno indotta a consigliare L’intelligenza del lavoro a un suo amico sindacalista.

*   *   *

IL GITARIO: IN MTB PER MULATTIERE E MARMIFERE APUANE
Due itinerari che si aggiungono al Repertorio già noto ai frequentatori di questo sito:
– un anello inedito di circa 400 metri di dislivello, che attraversa due borghi antichi dell’alta Versilia e può combinarsi utilmente con altri itinerari non meno belli, per chi abbia maggiori capacità atletiche: Ruosina-Basati-Cerreta Sant’Antonio;
– uno splendido anello su strada e fuori-strada di circa 1300 metri di dislivello complessivo, intorno al Monte Altissimo nel cuore delle Alpi Apuane, per bikers ben allenati: il Giro del Cipollaio e del Vestito attraverso la Cava del Fondone.

Il Gitario, con tutte le indicazioni e le immagini relative a 120 itinerari di trekking e/o mountain bike sulle Alpi Apuane, è ora disponibile come pagina permanente di questo sito (raggiungibile mediante il tasto situato nella barra orizzontale sotto la testata).

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 160 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 al 2017 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2017 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.