UN LIBRO SUI GIUSLAVORISTI ITALIANI DEL ‘900
Godiamoci questi “medaglioni” che Umberto Romagnoli ci ripropone, anche se con qualche incongruenza tra loro, e con i graffi che essi contengono: tutto sommato, forse fanno bene anche alla salute di chi li riceve. Certamente fanno bene alla franchezza del dibattito e al buon umore dei lettori. È online la mia recensione del libro Giuristi del lavoro italiani del Novecento, pubblicata oggi sulla rivista Lavoro Diritti Europa.

IL CAPITALE SOCIALE CHE MANCA ALLA EX-ILVA
Per un piano industriale complesso e impegnativo quale quello necessario per rilanciare l’acciaieria di Taranto, il problema maggiore è il difetto della fiducia reciproca tra le parti interessate, che nasce da un senso civico diffuso. Senza il quale qualsiasi paese è condannato a languire nell’arretratezza. Leggi il mio articolo pubblicato venerdì sul sito lavoce.info. Al quale risponde un ex-dirigente dell’Ilva,  ammonendo a non demonizzare la gestione dello stabilimento da parte della famiglia Riva.

LA DEMOCRAZIA DIRETTA E LA FUGA DALLA COMPLESSITÀ
Una lezione che dobbiamo trarre dalla Brexit: prendere atto della grave disfunzione del meccanismo che presiede al funzionamento non solo della democrazia più antica del mondo, ma di tutte le democrazie occidentali. Leggi l’articolo che ho scritto con Pietro Micheli, professore di Analisi della Performance Organizzativa all’Università di Warwick, pubblicato il 22 novembre dal Corriere della Sera.

Manifestazione di profughi

UN MODO LEGITTIMO PER DARE LAVORO AI SANS PAPIERS
Agli immigrati irregolari una comunità locale può, senza violare la normativa vigente, offrire alloggio, istruzione, formazione professionale, cure mediche, e al tempo stesso l’avviamento a lavori socialmente utili non retribuiti; a condizione che la volontarietà di questi ultimi sia effettiva, cioè che tra l’assistenza e il lavoro prestato non ci sia per davvero alcun nesso di corrispettività. Leggi la domanda di un lettore e la mia risposta.

L’INCAPACITÀ DELL’ITALIA DI PENSARE AL FUTURO
La crisi dell’acciaieria di Taranto e il prevalere dell’opinione favorevole alla sua chiusura, l’agonia infinita di Alitalia, l’assenza di una politica estera, l’assenza del nostro Governo ai tavoli che contano in Europa: che cosa può salvare l’Italia dal precipizio verso il quale sembra avviata? Scarica il video della mia intervista all’emittente TV Le Fonti, trasmessa mercoledì.

SULLA NUOVA DISCIPLINA LEGISLATIVA DEL LAVORO DEI RIDER
Una norma sbagliata, ancora legata alla cultura del lavoro del secolo scorso; ma i platform workers appartengono al XXI secolo. Applicare a questa forma di organizzazione del lavoro le tecniche protettive nate per il lavoro nei grandi stabilimenti industriali del Novecento equivale a mettere questa nuova forma di organizzazione del lavoro di fatto fuori legge. È online la mia intervista in corso di pubblicazione sul sito BC.

UNA “BARBIANA” FATTA UNIVERSITÀ
Da una curiosa coincidenza l’occasione per un’esperienza di “restituzione” didattica nel profondo est europeo ancora poverissimo e in bilico tra Occidente e Russia: leggi nella lettera di Tommaso Reggiani, economista, il rendiconto di un suo “pellegrinaggio accademico” nel luogo di un campo di concentramento tedesco di settant’anni or sono.

Pallanuoto nel Naviglio Grande all’inizio del 900

IN BICICLETTA LUNGO IL NAVIGLIO GRANDE (NEL RICORDO)
“[…] L’immagine così viva dei luoghi e la cura delle loro descrizioni li fanno apparire come un patrimonio che appartiene ai protagonisti dell’opera, ma allo stesso modo a colui che l’ha scritta […]”. È online il messaggio di un frequentatore di questo sito, a seguito della lettura de Il segreto del Naviglio Grande.

.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 150 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.