Un grande centro commerciale in una domenica qualsiasi

UN’IDEA PER LA CRESCITA: VIETIAMO IL LAVORO DI DOMENICA
Anzi, se il lavoro domenicale è dannoso per l’economia nazionale e le famiglie, perché vietarlo solo negli esercizi commerciali, e non anche nei ristoranti, nei bar, nei cinema e teatri, e in tutti gli altri settori in cui il lavoro finora è stato lasciato pericolosamente libero? Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 494. In argomento v. anche la scheda che fa il punto sul lavoro domenicale nell’ordinamento europeo e in quello italiano, dove spiego come la nostra Assemblea Costituente abbia volutamente escluso la costituzionalizzazione del divieto di lavoro domenicale e come la Corte di Giustizia europea nel 1996 lo abbia stralciato dalla direttiva sul tempo di lavoro del 1993.

IL PROBLEMA DELL’ACCESSO DEI GIOVANI AL LAVORO
I meriti e i limiti dell’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro, il difetto grave di un servizio efficace di orientamento scolastico-professionale: è online la mia intervista destinata al libro Gioventù bloccata, di Valentina Magri e Francesco Pastore. In argomento v. anche le slides del mio intervento al Focus Group sul contrasto alla disoccupazione giovanile che si è svolto a Milano venerdì.

Elsa Fornero

I SESSANTENNI CHE LAVORANO NON TOLGONO LAVORO AI GIOVANI
Occorre superare la concezione diffusa del “numero fisso” di posti di lavoro: la complessa relazione tra sistema pensionistico e mercato del lavoro. Sono online le slides utilizzate da Elsa Fornero per la presentazione del suo intervento al Focus Group sulla disoccupazione giovanile, svoltosi a Milano venerdì.

ITALIA E FRANCIA: UNA CRISI CHE DOVEVA ESSERE EVITATA
Vergogna e indignazione sono i sentimenti che si provano di fronte all’esplosione della crisi provocata dal Governo italiano nei confronti della Francia: il grido di dolore di Antonio Padoa Schioppa.

LA CASA NELLA PINETA RACCONTATA IN DIRETTA
«[…] Credo che il mio essere sempre stato un po’ un irregolare, dovunque io abbia militato […], nasca da questo ammonimento di padre Acchiappati: “vai, vedi, frequenta, e poi, dove troverai maggiore sintonia, lì impegnati. Però stai attento, perché ti proporranno di trasformare in chiesa il partito. Tu rifiuta sempre questa pretesa”[…]». È online la trascrizione del mio intervento al Centro Culturale Milanese del dicembre scorso, nel corso di una serata dedicata al mio ultimo libro.

SU I CONTRATTI A TERMINE, GIÙ QUELLI STABILI
Il tasso di occupazione a dicembre segna un modesto aumento su novembre: +0,1; ma in ottobre e novembre, in termini di stock, si è registrato un forte aumento dei contratti a termine (+47.000) e una riduzione dei contratti a tempo indeterminato (-35.000), invertendosi il saldo positivo dei primi sei mesi dell’anno. Leggi il n. 43 del bollettino della Fondazione Anna Kuliscioff, Mercato del Lavoro News, a cura di Claudio Negro.

LA COSTITUZIONE E GLI STANDARD RETRIBUTIVI
È difficile giustificare sul piano costituzionale il fatto che i minimi tabellari, assunti dai giudici come parametri per la determinazione della giusta retribuzione, siano espressi in termini nominali e non in termini di potere d’acquisto effettivo, cioè tenendosi conto del costo della vita nella regione: sono online il testo scritto e il video del mio intervento al XIX Congresso dell’Associazione Italiana di Diritto del Lavoro e della Sicurezza Sociale, svoltosi a Palermo nel maggio scorso. Sono online anche le slides delle mie due lezioni sulla retribuzione nell’ambito del corso che sto svolgendo all’Università di Milano.

LA PREVENZIONE DEL DANNO DA MOBBING E STRAINING
Alle slides delle prime ventuno lezioni del corso di diritto del lavoro, che sto svolgendo all’Università statale di Milano, si sono aggiunte quelle delle due lezioni sul tema del compenso dovuto alla persona che lavora (già menzionata sopra) e quelle delle due lezioni sulla sicurezza e l’igiene del lavoro e sulla prevenzione del disturbo psichico da mobbing o da straining, secondo l’approccio sistemico fatto proprio anche da alcune sentenze della Cassazione.

Re Arnolfo di Carinzia

“NON CI LAGNEREMMO COTANTO DE’ TEMPI PRESENTI…”
Come all’inizio del secolo X l’Imperatore Lamberto, avendo conquistato la città di Milano difesa valorosamente dal Conte Maginfredo, lo abbia fatto decapitare e abbia fatto cavare gli occhi a un suo figlio e a un suo genero. E come Ugone, egli pure figlio di Maginfredo, abbia vendicato padre, fratello e cognato ammazzando l’Imperatore con una bastonata. È online il primo di una serie di cinque estratti della Storia di Milano di Pietro Verri, che usciranno uno ogni due settimane su questo sito. Questo episodio insieme a innumerevoli altri – come quello del “giudizio di Dio” cui nel secolo successivo si sottopone il prete Liprando per dare fondamento alla propria accusa di simonia rivolta contro l’Arcivescovo di Milano, oppure il modo in cui amministrastrava la sua giustizia Galeazzo II Visconti nel Trecento, o il modo in cui in pieno Seicento il Senato milanese accertava i malefici delle streghe e le condannava al rogo – vengono raccontati dal Verri per mettere in evidenza l’enorme progresso politico e civile compiutosi nel secolo dei Lumi.

 

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.