SERVE ANCORA IL SINDACATO?
“[…] È compito del sindacato dare un’anima all’impresa, cioè consentirle di internalizzare nel proprio bilancio benefici e costi dei propri collaboratori e della collettività […] Ma nelle situazioni di crisi aziendale il sindacato deve essere l’intelligenza collettiva dei lavoratori che consente loro di scegliere il nuovo imprenditore migliore”. È online la mia intervista a cura di Greta Ardito per il podcast de lavoce.info, nella quale anticipo i conenuti de L’intelligenza del lavoro, nel 50mo dello Statuto dei Lavoratori.

Tsipras e Varoufakis

LA SCELTA DELLA GRECIA PER LA UE NEL 2015
Dobbiamo chiederci quali e quanto gravi sarebbero stati i disastri economici e sociali conseguenti per il popolo greco dalla scelta di uscire dalla UE (e magari legarsi alla Russia). Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 523, a seguito della discussione sui rapporti tra la Grecia e la UE che ho avuto con Fausto Bertinotti a Stasera Italia il 27 maggio scorso e della tempesta di invettive che mi si è scatenata contro su Twitter.

LE PRIME RECENSIONI E INTERVISTE SU L’INTELLIGENZA DEL LAVORO
Sulla pagina web dedicata al mio libro appena uscito si trovano i link alle recensioni di Stefano Folli su la Repubblica e di Dario Di Vico sul Corriere della Sera, il video dell’incontro con la Cisl Emilia Romagna, i commenti, le interviste e l’agenda dei numerosi altri incontri – per ora soltanto via web – programmati per la presentazione e discussione del saggio.

50mo DELLO STATUTO – 1. MANCA UNA POLITICA DEL LAVORO
1970:
la legge n. 300 in pochi mesi cambia faccia al mondo del lavoro; 2020: caos normativo, nessuna visione strategica, decine di miliardi per le politiche passive, non un euro per le politiche attive (che invece sarebbero indispensabili). Leggi la mia intervista della settimana scorsa a Italia Oggi.

50mo DELLO STATUTO – 2. UN BILANCIO FUORI DAGLI SCHEMI
La sconfitta del “contrattualismo” nella seconda metà degli anni ’60 e la sua rivincita mezzo secolo dopo. Il superamento del “monopolio del sostegno” alle confederazioni maggiori. Le nuove prospettive dell’emancipazione del lavoro. Leggi il mio articolo pubblicato sulla rivista online Giustizia Civile, sul portale dell’editore Giuffrè il Giuslavorista e sul quotidiano online Diritto e Giustizia il 20 maggio 2020, per il mezzo secolo dello Statuto dei Lavoratori.

50mo STATUTO – 3. L’INTELLIGENZA D. LAV. 50 ANNI DOPO
Le perplessità della Cisl sull’intervento legislativo nella seconda metà degli anni ’60, la forzatura parlamentare sull’articolo 18, i servizi di informazione e formazione dimenticati, la nuova concezione del mercato del lavoro come luogo dove le persone devono poter scegliere l’imprenditore più capace di valorizzarne le capacità. È online la mia videointervista a cura di Claudio Arlati per la Cisl Emilia Romagna.

COS’È IL DIRITTO AL LAVORO E COME LO SI RENDE EFFETTIVO
Da dove nasce lo squilibrio di potere contrattuale fra le parti del rapporto di lavoro. L’importanza della distinzione tra situazioni di monopsonio strutturale e di monopsonio dinamico. Come si corregge efficacemente la distorsione. Il mercato del lavoro (anche) come mercato dell’intrapresa. Sono online le slides della lezione Massimo D’Antona, che svolgerò mercoledì a conclusione dei corsi di diritto del lavoro dell’Università di Firenze.

TRE MILIARDI PER ALITALIA, UNO E MEZZO PER LA SCUOLA
Preferiamo continuare a bruciare risorse per tenere in vita la compagnia di bandiera – osserva Andrea Ichino nel suo articolo di ieri su il Foglio – lasciando all’ultimo posto le esigenze del sistema dell’istruzione, che fa acqua da molte parti. Una follia che ha radici lontane; ma è pur sempre una follia..

COME ERAVAMO: VENTENNI ALLA VIGILIA DEL ’68
Un’amica ha ritrovato la prima di tre schede sull’impegno politico nei partiti e sulle caratteristiche dei tre principali (qui quella sulla DC), con la lettera accompagnatoria, che utilizzammo a cavallo tra il ’67 e il ’68 per altrettanti dibattiti tra coetanei. Può aiutare a capire una stagione della storia del nostro Paese e la generazione che ne fu protagonista. Sono online la lettera e il documento.

RITRATTO DI UNA MADRE
Nel racconto delle due figlie la lunga, terribile malattia e  l’impegno di tutta la famiglia per “tenere vivo il mondo” nonostante la malattia stessa: che significava dare gambe, braccia, mani e occhi a una persona che li aveva via via persi, per darle ancora le ragioni necessarie per vivere. Leggi l’intervista di Giulia e Anna sulla malattia di Costanza, pubblicata da la Repubblica lunedì scorso.

IL TESORO NASCOSTO DOVE MAI LO IMMAGINEREMMO
Riguardando indietro a questi ultimi due anni nei quali la malattia ha infierito più duramente su Costanza, e di riflesso su chi la assisteva, non ho la memoria di due anni di punizione: al contrario, è stato forse, paradossalmente, il periodo più ricco e intenso del nostro matrimonio. Sono online i miei pensieri dell’ultima notte trascorsa accanto a mia moglie. A questo post ha fatto seguito, il giorno dopo, un’intervista pubblicata dal Corriere della Sera, commentata in un breve video di Ferruccio De Bortoli.

Mi scuso di non poter rispondere
a ognuno dei quasi tremila messaggi di condoglianze
pervenuti durante le due settimane passate, uno per uno.
Lo faccio qui ringraziando di cuore,
anche a nome di Giulia e Anna,
ciascuna persona che ci ha scritto.
*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di uscite, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 160 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.