L’INTELLIGENZA INDIVIDUALE DEL LAVORO E QUELLA COLLETTIVA
L’evoluzione tecnologica non è affatto nemica del lavoro umano e neanche dei livelli di occupazione; ma occorre saper scommettere sull’innovazione, supportare la transizione dal vecchio lavoro al nuovo e, al livello delle singole persone, conoscere i meccanismi del mercato del lavoro per poterli utilizzare a proprio vantaggio. È online la mia intervista uscita sul numero di maggio di Manageritalia.

IL PRIMO MAGGIO NELL’ERA DEL RECOVERY PLAN
I servizi al mercato, le politiche attive e il “modello Milano” con lo Hub Lavoro, il mismatch fra domanda e offerta, l’annosa questione (non più differibile) dell’attuazione dell’articolo 39 della Costituzione sull’assetto istituzionale del sistema delle relazioni industriali e l’efficacia dei contratti collettivi di settore. Leggi la mia intervista a Firstonline per la Festa del Lavoro.

CHE FARE OGGI PER PROTEGGERE E PROMUOVERE IL LAVORO
Le cose necessarie subito: favorire i trasferimenti che aumentano la produttività del lavoro, attivare i percorsi che uniscono domanda e offerta, collegare strutturalmente politiche attive e passive (ANPAL e INPS), cambiare l’ultimo comma dell’articolo 39 della Costituzione per dare un assetto istituzionale trasparente al sistema delle relazioni industriali. È online lo schema del mio intervento introduttivo all’incontro promosso da Base il 24 aprile, nell’ambito dell’iniziativa Unire i riformisti, svoltosi stamattina.

Pasquale Stanzione

PRIVACY E COVID: ALTRI DANNI CAUSATI DAL GARANTE TALEBANO
Ora l’Autorità per la protezione dei dati personali si spinge a contestare il decreto-legge n. 52 sui pass vaccinali e a dichiarare illegittime le certificazioni di vaccinazione rilasciate dai medici di base. Per fortuna il nostro Governo (sulla scorta di Commissione e Parlamento UE) si guarda bene dal dargli retta. Leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 543.

A CHE COSA DOVREBBE SERVIRE IL 25 APRILE – 1
La Festa della Liberazione non può ridursi a un’acritica celebrazione dell’epopea partigiana: deve essere anche l’occasione per riflettere sulle gravi responsabilità delle forze antifasciste nell’avvento della dittatura. Leggi il mio editoriale telegrafico sull’argomento, pubblicato nel giorno stesso della Festa, che ha scatenato su Twitter e Facebook un putiferio di reazioni sdegnate, in alcuni casi anche violente, e contumelie.

Georg Wilhelm Friedric Hegel

A CHE COSA DOVREBBE SERVIRE IL 25 APRILE – 2
Risposta ragionata alle contestazioni suscitate dal mio invito a una riflessione sulle responsabilità (anche) delle forze antifasciste nell’avvento del regime mussoliniano: davvero discutere pacatamente sulle radici della catastrofe è un insulto alla Resistenza? È online anche il mio secondo intervento su questo argomento, del 26 aprile. Al quale nessuno dei miei contestatori ha saputo contrapporre neppure una sola parola di replica (forse è per questo che essi invocano chi la parola la tolga a me?).

L’ARRESTO DEGLI (ex?) ASSASSINI IN FRANCIA E I LEONI DA TASTIERA
Molti considerano come una forma di riprovevole accanimento la persecuzione giudiziaria nei confronti dei brigatisti rossi ancora latitanti; ma il virus della violenza terroristico-mafiosa mirata a “colpirne uno per educarne cento” è sempre in agguato. Ne è un esempio la reazione che ha fatto seguito sui social al mio articolo per la Festa della Liberazione. Leggi il secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 543.

BUSAJO CAMPUS E IL LAVORO CHE SALVA
Il messaggio di liberazione e di emancipazione lanciato da scuole come quella di Barbiana ieri e oggi questa animata dai volontari di Soddo, alla periferia di Addis Abeba. È online il mio contributo a un libro dedicato a questa iniziativa, esempio eccellente del “gemellaggio” tra realtà europee e realtà africane indispensabile per lo sviluppo economico e civile del continente ner0.

***

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter bi-settimanale, che ha superato il mezzo migliaio di numeri in quasi tredici anni, chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 160 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 900 articoli pubblicati dal 1994 al 2017 (i successivi sono diponibili su questo sito) su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 al 2017 (le successive sono disponibili su questo sito) su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it”. Chi si avvarrà di questa facoltà è comunque tenuto ad avvertirmene preventivamente, anche soltanto mediante un messaggio email.