TELECOM, KKR E IL RIFLESSO PAVLOVIANO BI-PARTISAN

È accaduto già quindici anni or sono: appena una multinazionale accenna a un proprio interesse per la nostra impresa maggiore di telecomunicazioni (come per Alitalia, ferrovie, autostrade, banche ecc.) da destra e da sinistra scatta l’allarme in difesa dell’“italianità” dell’impresa

.
Primo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 555, 6 dicembre 2021 – In argomento v. anche il mio editoriale di dieci anni or sono, Tre domande al ministro dell’Economia sulla difesa dell'”italianità” delle nostre imprese
Continua…

GIORGETTI NON PROPONE UNA RIFORMA COSTITUZIONALE SURRETTIZIA

La nostra Carta consente già oggi, in caso di necessità, una possibile dilatazione “a fisarmonica” del ruolo del Capo dello Stato, in senso “semi-presidenzialistico”: lo si è visto sia con Giorgio Napolitano, sia con Sergio Mattarella

.
Primo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 553, 8 novembre 2021 – Sullo stesso argomento v. anche il mio editoriale telegrafico del 25 ottobre scorso
Continua…

IL VOTO SUL DDL ZAN AL SENATO E L’ERRORE MADORNALE DEL PD

In Parlamento, sulle materie che riguardano i diritti civili fondamentali è giusto che la regola sia quella del voto segreto: anche per mettere a nudo gli scollamenti interni agli schieramenti, come  è accaduto nel caso del d.d.l. Zan

.
Editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 553, 9 ottobre 2021 – Sul disegno di legge contro la omo- e transfobia v. anche il mio editoriale telegrafico del 13 luglio 2021, Ddl Zan: il valore di una maggioranza molto ampia Continua…

PERCHÉ PER IL QUIRINALE MARIO DRAGHI È LA SOLUZIONE MIGLIORE

Il nostro sistema istituzionale ha una proprietà particolarissima: all’eventuale difetto di Palazzo Chigi supplisce il Quirinale; meglio dunque avere la persona che garantisce di più per il settennio sul colle più alto

.
Primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 552, 25 ottobre 2021 – In argomento v. anche il mio editoriale telegrafico dell’11 ottobre scorso, Draghi e lo spartiacque politico fondamentale Continua…

IL METODO SPERIMENTALE AL SERVIZIO DEL LAVORO E DEL WELFARE

I neo-premiati Nobel Angrist, Card e Inbens già 30 anni or son0 mostravano come il metodo sperimentale sia utilmente applicabile anche per la verifica degli effetti delle misure di politica economica e sociale; ma la politica non ha ancora fatto propria questa lezione

.
Articolo di Andrea Ichino pubblicato sul
Corriere della Sera il 15 ottobre 2021 – In argomento v. anche un altro articolo dello stesso A.I. pubblicato sul Corriere della Sera nel 2013: Tornare al metodo galileiano per le riforme: ivi i link ad altri documenti e interventi sullo stesso tema  Continua…

DRAGHI E LO SPARTIACQUE POLITICO FONDAMENTALE

Perché l’alleanza con Lega e FdI è una follia che può portare FI alla scomparsa – E perché, viceversa, il Pd e le altre forze lib-dem devono fare esplicitamente del processo di integrazione europea il loro cavallo di battaglia comune

.
Editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 551, 11 ottobre 2021 – Tutti gli altri articoli e documenti online su questo sito sullo stesso argomento sono raccolti nel portale Il nuovo spartiacque della politica mondiale Continua…

I REBUS NEL GIOCO, NELLA POLITICA E NEL LAVORO

La pluralità dei significati di un testo parlato o scritto non è necessariamente un male: i rebus ci insegnano a vederne, invece, il fascino e la ricchezza

.
Intervista a cura di Alessandra Ricciardi pubblicata sul numero di luglio 2021 della rivista
Cubo dell’Università degli Studi di Bologna – Le altre interviste, recensioni e commenti sul libro L’ora desiata vola sono raggiungibili dalla pagina web a esso dedicata
Continua…

IL GUAIO DELLA DESTRA ITALIANA, SOVRANISTA E NON LIBERALE

Col tramonto di Forza Italia, l’ala conservatrice in bilico tra Meloni e Salvini si caratterizza non solo per l’antieuropeismo, ma anche per il suo essere “liberale” soltanto a parole, sia in campo economico sia in quello dei diritti civili

.
Editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 548, 2 luglio 2021 – In argomento v. anche i miei due editoriali telegrafici i cui link compaiono all’inizio dell’articolo Continua…

GUGLIELMO EPIFANI: IL RIFORMISTA GENTILE CHE NON HA FATTO LE RIFORME

“[…] Ho sempre avuto molta simpatia per lui, che aveva una finezza e una sensibilità non comune […] con lui era quasi impossibile litigare […] Proprio per questo mi pare giusto dire alcune cose fuori dalla modalità coccodrillo ma che rispondono a verità: credo che non se la prenderebbe e accetterebbe caso mai di discuterne […]”

.
Articolo di Claudio Negro, pubblicato sul suo blog il 9 giugno 2021 –
Dello stesso Claudio Negro v. anche, ultimamente, Ma Landini sta con Draghi o contro? Continua…

BENE L’IMPOSTA DI SUCCESSIONE, MA PER I GIOVANI OCCORRONO RIFORME PIÙ INCISIVE

Buona l’idea dell’imposta di successione, che tassa le cose, se utilizzata per ridurre l’imposizione sulle attività: in particolare potrebbe servire per la riduzione selettiva dell’imposizione sui redditi di lavoro femminile; non altrettanto buona l’idea della “dote” per i giovani, per i quali occorrono riforme assai più incisive

.
Articolo di Andrea Ichino pubblicato su il
Foglio il 28 maggio 2021 – In argomento v. anche i numerosi articoli e documenti pubblicati su questo sito raccolti nel portale dedicato al tema del Finanziamento indiretto degli atenei mediante il sistema degli income contingent loans Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab