APPUNTI SULL’ETICA DEL LAVORO E DELL’IMPRESA

L’IMPRENDITORE HA IL DOVERE DI FAR SÌ CHE IL PROPRIO DIPENDENTE POSSA AMARE IL SUO LAVORO; QUEST’ULTIMO HA IL DOVERE DI SVOLGERLO CON DILIGENZA (DAL LATINO DILIGERE, CHE SIGNIFICA LETTERALMENTE AMARE), CHE SIGNIFICA ANCHE SVOLGERLO COME LO SVOLGEREBBE SE LAVORASSE PER IL CONIUGE O I FIGLI

Slides della relazione introduttiva di un incontro promosso dalla Comunità dei Gesuiti di Villapizzone, 13 novembre 2016 – In argomento v. anche L’impiegato allo sportello sia come il padre con i propri figli; inoltre La diligenza del professore e la libertà di insegnamento         Continua…

LE MISURE PER IL LAVORO NELLA LEGGE DI BILANCIO

LE MISURE SUL LAVORO AUTONOMO E DIPENDENTE CONTENUTE NEL DDL SUL BILANCIO 2017, PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE DINAMICHE DI UN TESSUTO PRODUTTIVO IN RAPIDA EVOLUZIONE, NEL QUALE AUMENTANO L’OCCUPAZIONE COMPLESSIVA E, IN ESSA, L’OCCUPAZIONE STABILE

Slides  utilizzate per la relazione introduttiva all’incontro con le Camere di Commercio britannica, francese e tedesca, svoltosi a Roma il 3 novembre 2016 – In argomento v. anche Dati sull’occupazione: quando i giornalisti fanno male il loro mestiere    Continua…

LA RIFORMA DEL LAVORO TRA DIRITTO ED ECONOMIA

LE SLIDES DELLA RELAZIONE SVOLTA ALLA SCUOLA DELLA MAGISTRATURA: UN APPROCCIO DI LAW & ECONOMICS ALLA RIFORMA DEL 2014-2015: RATIO, BENEFICI E COSTI DEL VECCHIO E DEL NUOVO SISTEMA DI PROTEZIONE – LE POSITIVE DINAMICHE RECENTI DEL MERCATO DEL LAVORO (E LA DIFFICOLTÀ DI DIMOSTRARNE IL NESSO CON LA RIFORMA)

Diapositive utilizzate per la presentazione della relazione svolta il 26 ottobre 2016 alla Scuola Superiore della Magistratura – Per ulteriori saggi, interventi e documenti sulla stessa materia v. il Portale della Riforma del Lavoro    Continua…

N. 410 – 17 ottobre 2016

amministrazioni pubblicheNEL D.LGS. 185/2016 LA CONFERMA CHE IL JOBS ACT SI APPLICA ANCHE NEL PUBBLICO
Il decreto correttivo della riforma del lavoro, entrato in vigore una settimana fa, esclude esplicitamente l’applicabilità nel settore pubblico della nuova disciplina delle dimissioni, ma non di quella dei licenziamenti: così confermando implicitamente che il regime del contratto a tutele crescenti si applica anche ai nuovi assunti nelle amministrazioni. Leggi il mio editoriale telegrafico in argomento.
Continua…

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SU CUI VOTIAMO IL 4 DICEMBRE: I PRECEDENTI E I CONTENUTI ESSENZIALI

I DIFETTI ORIGINARI DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE, I QUARANT’ANNI DI TENTATIVI SENZA SUCCESSO  DI CORREGGERLA, I CONTENUTI DELLA LEGGE APPROVATA DAL PARLAMENTO ATTRAVERSO SEI LETTURE: RAFFORZAMENTO DELL’AZIONE DEL GOVERNO, A FRONTE DI CONTRAPPESI ASSAI PIÙ FORTI OGGI RISPETTO A 70 ANNI FA

Slides predisposte per il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 (costituiscono una nuova edizione riveduta e aggiornata di quelle pubblicate nel giugno 2016) – In argomento v. anche i documenti raccolti nel Portale delle Riforme istituzionali e in particolare, ultimamente, Le tesi del No che inducono a votare Sì     Continua…

LA TASSA SUI LICENZIAMENTI: UNA NORMA DA CORREGGERE

IL CONTRIBUTO IN CIFRA FISSA CHE L’AZIENDA DEVE PAGARE PER CIASCUN RECESSO UNILATERALE COSTITUISCE UN’IMPOSTA REGRESSIVA (IN RAPPORTO ALL’ULTIMA RETRIBUZIONE DEL LAVORATORE) DIFFICILMENTE GIUSTIFICABILE SECONDO CRITERI DI RAGIONEVOLEZZA

Slides della relazione svolta da Roberto Leombruni, docente nella Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Torino il 20 settembre 2016, nel corso di un seminario promosso a Roma dalla fondazione EYU in collaborazione con lo stesso Ateneo e con l’Associazione nazionale delle imprese di pulizia e servizi integrati   Continua…

I PARADOSSI E L’INGIUSTIZIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE

LE MOLTE RAGIONI DI EQUITÀ E DI EFFICIENZA PER SPOSTARE NEL LUOGO DI LAVORO IL BARICENTRO DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA, AFFIDANDO AL CCNL LEFUNZIONI DI DETERMINARE IL SALARIO MINIMO ORARIO E DI ISTITUIRE SCHEMI FLESSIBILI DI COLLEGAMENTO TRA PRODUTTIVITÀ E RETRIBUZIONE AL LIVELLO AZIENDALE

Slides utilizzate per la relazione introduttiva al seminario della Cisl Veneto, svoltosi a Verona il 1° luglio 2016 – In argomento v. il video della presentazione della ricerca di T. Boeri, A. Ichino ed E. Moretti, svolta da Andrea Ichino al Festival dell’Economia di Trento il 3 giugno 2016 (da questa presentazione sono tratte le slides da 8 a 15); inoltre: L’intervento allo studio del Governo in tema di contrattazione, 18 aprile 2016; e Contrattazione: le quattro ragioni per una svolta e Intervista sulla crisi del sistema italiano delle relazioni industriali,  26 settembre 2015 Continua…

NUOVI STRUMENTI PER AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE MIGLIORI

GOVERNO PER OBIETTIVI, BENCHMARKING COMPARATIVO, VALUTAZIONE INDIPENDENTE, TRASPARENZA IN FUNZIONE DEL CIVIC AUDITING, PER UNA MAGGIORI EFFICIENZA E MAGGIORE PRODUTTIVITÀ DELLE STRUTTURE CHE NON OPERANO IN REGIME DI MERCATO CONCORRENZIALE

Slides della conferenza che ho svolto a Torino, per iniziativa della ATC Piemonte centrale, il 20 giugno 2016In argomento v. anche Decreto assenteismo: una correzione necessaria, 17 giugno 2016;  Dodici domande e risposte sul regime dei licenziamenti nelle amministrazioni pubbliche, 19 giugno 2016; Motivare i dirigenti pubblici a esercitare le loro prerogative 17 gennaio 2016

Continua…

SIAMO SICURI CHE L’ASILO-NIDO FACCIA BENE AI BAMBINI?

UNA RICERCA OSSERVA UN EFFETTO NEGATIVO DELLA SUA FREQUENTAZIONE A 0-2 ANNI SUL QI DELLE BAMBINE CON FAMIGLIE PIÙ AGIATE  – POTREBBE ESSERE CHE NEI PRIMI ANNI DI VITA LE INTERAZIONI “UNO A UNO” CON GLI ADULTI SIANO ESSENZIALI PER LO SVILUPPO COGNITIVO E CHE A QUELL’ETÀ LE BAMBINE SIANO PIÙ IN GRADO DI BENEFICIARNE

Sono qui disponibili in formato pdf alcuni documenti relativi alla ricerca svolta da Margherita Fort, Andrea Ichino e Giulio Zanella il cui titolo nella versione italiana è La “meglio infanzia”: e ffetti dell’asilo nido sulle capacita cognitive, non cognitive e la salute dei bambini, presentata per la prima volta a Siracusa, a un convegno della Fondazione Rodolfo De Benedetti, il 23 giugno 2016: A) il testo originale in lingua inglese; B) il rapporto sintetico in lingua italiana; C) le slides della presentazione svolta a Siracusa; D-E) i servizi pubblicati in proposito dal Corriere della Sera nell’edizione nazionale del 28 giugno e nel dorso bolognese del giorno successivo; F) l’articolo comparso in proposito sul quotidiano The Times il 1° luglio; G) la risposta dei tre Autori, sul Corriere della Sera del 30 giugno, ad alcuni commenti critici ricevuti, a seguito della pubblicazione degli servizi dello stesso quotidiano sui risultati della ricerca
Continua…

THE ITALIAN LABOR REFORM OF 2015 AND ITS PRECEDENTS

AN EXPLANATION FOR FOREIGN OBSERVERS OF THE MILESTONES AND THE MEANING OF THE EVOLUTION OF OUR LEGISLATION ON EMPLOYMENT AND LABOR MARKET, WITH SPECIAL ATTENTION TO THE RECENT REFORM THAT GOES UNDER THE NAME OF JOBS ACT
.

Slides utilizzate per la relazione introduttiva a un workshop organizzato dalla World Bank a Varsavia, 29 giugno 2016 – Sono disponibili su questo sito anche le slides relative alla relazione svolta in un workshop analogo, sempre a Varsavia, il 29 maggio 2014: Addressing Labor Market Dualism; e una versione italiana della parte di queste slides relativa al contenuto della riforma del 2015, Jobs Act: che cosa cambia e cosa no nel diritto e nel mercato del lavoro italiani Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab