JOBS ACT 1: SI PROCEDE SENZA INTOPPI NELLA DIREZIONE GIUSTA
Gli emendamenti approvati dalla Commissione Lavoro della Camera confermano e precisano l’intendimento essenziale del disegno di legge-delega: leggi la mia dichiarazione di oggi, ripresa dall’Agenzia Adn-Kronos. In argomento v. anche la mia intervista al Sole 24 Ore di sabato: nessun rischio di passi indietro rispetto all’assetto della riforma, non  restiamo in mezzo al guado.

JOBS ACT 2: LA CGIL E LA VECCHIA SINISTRA A BRACCETTO CON LA LEGA
Ma è mai possibile che sappiano parlare solo delle pensioni (della loro generazione, s’intende) e di articolo 18, ignorando totalmente temi cruciali come quello dei Centri per l’Impiego che non collocano nessuno, del contratto di ricollocazione, del tasso di coerenza infimo in Italia tra formazione e sbocchi occupazionali effettivi, dell’orientamento scolastico e professionale che latita, e molti altri ancora? Sta di fatto che sul referendum abrogativo della riforma pensionistica e sulle politiche del lavoro Susanna Camusso, Pippo Civati e Gianni Cuperlo fanno fronte comune con Matteo Salvini: leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 320.

Portale della Semplificazione e della Flexsecurity

CAMBIAMO IL LICEO A MENU FISSO
Nessuno sostiene l’abolizione della cultura classica; ma non ha senso obbligare tutti indistintamente gli studenti di un liceo classico a studiare per cinque anni il greco antico. Leggi l’editoriale di Andrea Ichino pubblicato sul Corriere della Sera di lunedì, a seguito della celebrazione del “Processo al Liceo Classico” al Teatro Carignano di Torino.

SUBITO I CONTRATTI DI RICOLLOCAZIONE PER ALITALIA
Perché la sperimentazione dei nuovi servizi di assistenza intensiva per il reinserimento nel tessuto produttivo dei lavoratori licenziati dalla compagnia di bandiera, per essere efficace, deve partire al più presto: leggi la mia intervista a Libero di venerdì.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

PIÙ DECISIVA DELLE NUOVE NORME È LA CAPACITÀ DI APPLICARLE EFFICACEMENTE
La vera battaglia, quella sul campo, comincerà subito dopo l’emanazione dei decreti delegati sul lavoro; e non sarà una passeggiata: leggi l’editoriale di Maurizio Ferrera sul Corriere della Sera di sabato.

LA PROVA SCIENTIFICA DEL SUPERAMENTO DEL BIPOLARISMO TRADIZIONALE
Una conferma empirica rigorosa e al tempo stesso un’interpretazione convincente della confusione che si sta verificando nella politica italiana tra i due poli; ma anche un interrogativo inquietante circa il tempo necessario (700.000 anni?) per la stabilizzazione del nuovo assetto: leggi l’articolo pubblicato lunedì scorso sul sito Scienzainrete.

JOBS ACT 3: ANATOMIA DI UNA RIFORMA
Il tramonto del regime di job property e il Codice semplificato ispirato al principio della flexsecurity: è on line una nuova versione delle slides della conferenza che ho tenuto all’Università di Verona il 20 ottobre.

.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella sita in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al giugno 2012 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 125 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 470 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore ed Europa – e i 55 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), le più sostanziose tra le innumerevoli interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una ampia selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 26 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

ichino-home.jpg

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso. Mi sembra di avere adempiuto in modo rigoroso e del tutto trasparente entrambi questi impegni, fino allo scioglimento della 16ma. Nella 17ma, che si è aperta il 15 marzo 2013, mi propongo di continuare il lavoro politico a sostegno delle stesse mie idee e proposte nella formazione politica nuova che è nata a sostegno della strategia europea disegnata per l’Italia da Mario Monti”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it
.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti  disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo; e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.