Theresaa May

Theresa May

BREXIT: QUOD DIFFERTUR (in politica, molto spesso) AUFERTUR
Theresa May a Firenze ha detto, in sostanza: “Hard Brexit, no di certo; molto meglio quella soft; il problema è che non sappiamo come farla“; donde una proposta di rinvio di un paio d’anni. Alla quale il negoziatore per l’UE, Michel Barnier, potrebbe rispondere: “perché non un rinvio di tre, così avete più tempo per ripensarci?”. Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 451.

Giustizia del lavoroLE POSTE SBADATE E IL GIUDICE IPER-FORMALISTA
Diversi giudici del lavoro sono di volta in volta iper-formalisti, o iper-sostanzialisti, a seconda che sia l’una o l’altra opzione a consentire la reintegrazione del lavoratore: leggi il mio commento alla vicenda paradossale del postino-ladro reintegrato dal giudice del lavoro di Chieti, pubblicato sul quotidiano La Notizia di mercoledì. Il principio di immediatezza, in materia disciplinare, non è una regola formale, ma un corollario del principio di correttezza, motivato da esigenze di equità sostanziale: che in questo caso sono state gravemente disattese dalla sentenza.

AnonimoUNA LETTERA FIRMATA DEL MITTENTE DELLE LETTERE ANONIME
L’autore di diverse missive anonime di minacce e ingiurie mi scrive per scusarsi e raccontarmi la propria vicenda. Gli rispondo con simpatia, osservando che non fecero altrettanto i brigatisti, quando proposi loro di riconoscerci vicendevolmente come persone umane. Leggi la sua lettera e la mia risposta.

Vai al portale della riforma del lavo

robot 2IL LAVORO NELL’EPOCA DI INTERNET E DEI ROBOT
La nuova frontiera del diritto del lavoro non sta in un radicale ridisegno della disciplina inderogabile del rapporto di lavoro tradizionale, ma nella costruzione di un diritto soggettivo al sostegno efficace nella transizione da vecchio a nuovo lavoro: su lavoce.info una mia sintesi della relazione svolta al convegno di Torino su Le conseguenze dell’evoluzione tecnologica sul diritto del lavoro.

Umbrella companies 1LA PECULIARITÀ DELLE UMBRELLA COMPANIES
Per favorire l’attività di queste organizzazioni, diversissime dalle agenzie di somministrazione di lavoro, a sostegno di chi lavora mediante le piattaforme digitali, o comunque in forma autonoma per una pluralità di committenti, occorre istituire un tipo contrattuale a sé stante: leggi il messaggio di un lettore e la mia risposta.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

 

 

SIAEMONOPOLIO SIAE: FINALMENTE LA SVOLTA
Due anni di battaglia parlamentare portano finalmente un primo frutto, sulla via dell’armonizzazione del nostro ordinamento rispetto alle norme UE sui servizi di tutela dei diritti d’autore (ma decisiva è stata probabilmente la minaccia di apertura di una procedura di infrazione da parte dell’UE): il Senato approva l’emendamento mio e di Laura Puppato per il superamento del bollino SIAE sulle registrazioni musicali.

CaregiverLEGGE 104: E SE SOSTENESSIMO DIRETTAMENTE I CAREGIVERS?
Oggi l’Inps destina una somma ingente ai rimborsi a imprese e amministrazioni per i permessi utilizzati dai dipendenti con parenti disabili: permessi dei quali si osservano abusi molto diffusi. Perché non destinare queste risorse direttamente a chi si occupa di un parente disabile, consentendogli di ridurre l’attività lavorativa retribuita? Leggi la lettera di una frequentatrice del sito e la mia risposta, contenente questa proposta.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.