Renzi e GentiloniBILANCIO DI UNA LEGISLATURA
Occorre riconoscere a Renzi, nonostante i suoi errori, di avere evitato la paralisi, consentendo numerosi passi avanti importanti; anche le riforme bocciate sono state utili: perché da lì occorrerà pur sempre ripartire. Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 463.

Osservatore Romano 2BIOTESTAMENTO:  SE IL PAPA NON CONCORDA CON LA CEI
L’Osservatore Romano dà notizia della nuova legge con precisione, dando conto anche dei punti più controversi, ma (a differenza del comunicato della Conferenza Episcopale Italiana) senza una sola parola di condanna: leggi il secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 463.

Dario Di Vico

Dario Di Vico

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO: UNA PROTESTA SBAGLIATA
Considerare questa misura come una forma di “schiavismo” è insensato: la vera schiavitù che minaccia i giovani è una esclusione permanente dal tessuto produttivo che nasce da un loro difetto grave di orientamento e di conoscenza: leggi il terzo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 463, costituito da un bel corsivo di Dario Di Vico.

Vai al portale della riforma del lavo

Elsa Fornero

Elsa Fornero

UN DIFETTO DI COERENZA DELLA RIFORMA DELLE PENSIONI?
Un lettore lamenta un criterio di calcolo delle pensioni introdotto dalla legge Fornero del 2011 che penalizza i titolari di redditi più elevati. Gli rispondo spiegando perché considero quella disposizione giustificata.

Giustizia del lavoroGIUSTIZIA: PUÒ MIGLIORARE ANCHE A LEGISLAZIONE INVARIATA
Una mozione presentata da ventitue senatori della maggioranza indica al Governo il molto che ancora si può fare, anche senza nuove leggi, per un’amministrazione giudiziaria più efficiente: a cominciare dall’attrezzatura informatica indispensabile per consentire l’organizzazione del lavoro giudiziale secondo il principio della concentrazione e il metodo sequenziale.

Immigrazione 6ANCORA SULL’INFERNO DEI MIGRANTI AFRICANI IN LIBIA
Siamo abituati a criticare la giustizia del nostro Paese, imputandole le molte piaghe che effettivamente la affliggono; ora la sentenza della Corte d’Assise di Milano sui lager dove operano le organizzazioni dei trafficanti di persone ci offre un buon motivo per sospendere le critiche e prendere atto di una pagina straordinaria che è stata scritta in un’aula giudiziale italiana. Ne ho parlato anche nell’Aula del Senato martedì scorso.

Giuliano Cazzola

Giuliano Cazzola

GIULIANO CAZZOLA: STORIE DI SINDACALISTI
Insieme a una riflessione sulla storia del movimento sindacale nell’Italia repubblicana, in gran parte basata sull’esperienza diretta dell’Autore, una serie preziosa di “medaglioni” di numerose figure di dirigenti di Cgil, Cisl e Uil che quella storia hanno fatto: per gentile concessione dello stesso Autore, il libro è disponibile gratuitamente on line.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

Lorenzo Sacconi 3

Lorenzo Sacconi

IL DIBATTITO TRA ECONOMISTI E GIURISTI SUL JOBS ACT
È on line anche la presentazione svolta da Lorenzo Sacconi, professore di politica economica nell’Università di Trento, al congresso della Società Italiana di Diritto ed Economia che si è svolto a Roma venerdì (qui le  slides della mia presentazione nella stessa sessione). Sullo stesso tema v. anche la tabella sintetica degli argomenti contrapposti redatta (in italiano), in preparazione dello stesso congresso, per consentire ai lettori di avere in modo più rapido un’idea del contenuto del dialogo tra Lorenzo Sacconi e me.

Severance costL’INDENNITÀ DI LICENZIAMENTO NEI PAESI MAGGIORI
L’indennizzo minimo previsto dalla legge italiana (quattro mensilità) è quadruplo rispetto a quelli previsti in Francia, Germania, Regno Unito e Spagna; il massimo (ventiquattro) è pari a quello spagnolo e maggiore rispetto a quello degli altri tre grandi Paesi membri della UE: scarica il diagramma che mostra l’andamento dell’indennità, in relazione all’anzianità di servizio del lavoratore, nel cinque Paesi.

LA MIA CONTRIBUZIONE AL PD (E A SC) IN QUESTA LEGISLATURA
È on line la mia risposta a Francesco Bonifazi, tesoriere del Pd nazionale, che contesta a me (e ad altri senatori ex-Sc) una omissione di contribuzione al partito. Per quel che mi riguarda, come ho puntualmente documentato nella pagina Rendiconti di questo sito, la mia contribuzione a Sc e Pd al livello nazionale (senza contare quella alle strutture milanese e lombarda del Pd) nel corso di questa legislatura, fino al dicembre 2017, è ammontata complessivamente a € 115.508, a fronte di quella di € 85.500 versata, a norma di regolamento, da ciascuno degli altri senatori del Gruppo Pd.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.