Lager libico

UNA SENTENZA SULL’INFERNO DEI MIGRANTI AFRICANI
Leggere la motivazione di questa condanna all’ergastolo è un adempimento doloroso, in certi passaggi sconvolgente, ma necessario per chiunque, in Europa o altrove, voglia affrontare con cognizione di causa la questione dei flussi migratori tra l’Africa e l’Europa oggi. Necessario anche per prendere (e dare) atto di una pagina straordinaria scritta dalla Giustizia italiana.

Law & Economics 2THE NOTION OF JUSTIFIED REASON FOR DISMISSAL
Uno studio sul ragionamento che sorregge effettivamente le sentenze in materia di giustificato motivo oggettivo di licenziamento e una discussione sul merito della riforma del 2015,  nelle slides della mia relazione per la Conferenza annuale della SIDESocietà Italiana di Diritto ed Economia, che si svolgerà a Roma venerdì.  Sullo stesso tema v. anche la tabella sintetica degli argomenti contrapposti redatta, in preparazione della stessa Conferenza, per consentire ai lettori di avere in modo più rapido un’idea del contenuto del dialogo tra Lorenzo Sacconi e me.
Vai al portale della riforma del lavo

Manifestazione nazionalista in Polonia

Nazionalisti in Polonia

LA SVOLTA UE – 1. ORA JUNCKER PUÒ PUNIRE ORBÀN E SZYDŁO
Gli sviluppi della Brexit mostrano che il costo dell’uscire dalla UE è molto, ma molto, maggiore dei costi del rimanere membri del club: donde la possibilità, ora, per la Commissione di richiamare severamente all’ordine i Governi nazionalisti e illiberali di Ungheria e Polonia senza il timore di risposte centrifughe: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 462.

Grillo contro l'euro 2LA SVOLTA UE – 2. CHI ORA PUÒ ALZARE LA VOCE A BRUXELLES
Se persino il Regno Unito deve chinare la testa davanti al Governo UE, per timore di una “hard Brexit”, questo toglie ogni credibilità a tutti i piccoli e grandi populisti del continente che predicano l’uscita dalla UE o il “picchiare i pugni sul tavolo” con i partner europei: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 462.

Enrico Morando

Enrico Morando

LE CONCLUSIONI DI ENRICO MORANDO A ORVIETO
Sono on line il testo integrale e una sintesi delle conclusioni del presidente di LibertàEguale all’Assemblea annuale di Orvieto, che riprendono la proposta di riforma costituzionale in senso semi-presidenzialista contenuta nella relazione introduttiva di Stefano Ceccanti, collocandola nel quadro di una strategia di costruzione della sovranità dell’Unione Europea, senza la quale non si dà alcuna soluzione dei problemi del disagio sociale e dello sviluppo economico.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

PovertàIL PROBLEMA MAGGIORE NELLA LOTTA ALLA POVERTÀ
Non è costituito dalla scarsità delle risorse finanziarie, quanto dalla mancanza della capacità di implementazione delle misure che condizionano il sostegno del reddito alla partecipazione dei beneficiari a tutte le iniziative mirate a loro reinserimento nel tessuto sociale e produttivo. Ascolta la mia intervista trasmessa martedì da Radio Radicale.

Grafico RicolfiUN DIBATTITO SU OCCUPAZIONE E PRODUTTIVITÀ
A parità di prodotto, la quantità di occupazione e la produttività del lavoro sono semplicemente le due facce speculari della medesima medaglia: se aumenta l’una non può che diminuire l’altra, e viceversa. Se dunque il PIL italiano cresce poco, un aumento più rapido dell’occupazione significa che si riduce la produttività media del lavoro. Leggi l’interessante scambio epistolare tra Dario Parrini, deputato Pd, e il sociologo Luca Ricolfi. In argomento v. anche la mia risposta a un lettore su La sola cura radicale dei mali del mercato del lavoro.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.