Sergio Mattarella

Sergio Mattarella

THE DAY AFTER – 0. L’ORA DELLA RESPONSABILITÀ, DA PARTE DI TUTTI
È il momento di mettere al bando i rancori e, con la regia del Capo dello Stato, cercare di estrarre dal lungo dibattito referendario i pochi punti di ampia convergenza sulla riforma costituzionale necessaria. Leggi il mio editoriale telegrafico aggiuntivo ai quattro pubblicati con la Nwsl n. 417 (i quali erano, come sempre tutti on line fin dall’una di oggi: il ritardo nella spedizione della Nwsl è imputabile solo a un malaugurato guasto del server, del quale mi scuso con i lettori).

SenatoTHE DAY AFTER – 1. NON AVREMO MAI LA RIFORMA
CHE QUASI TUTTI DICONO DI VOLERE?
Il successo del “no” rischia di mettere una pietra tombale su qualsiasi prospettiva di aggiornamento della Costituzione. A meno che…
Leggi il primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 417.

costituzione-italiana-428x480THE DAY AFTER – 2. GLI EFFETTI SULLE GARANZIE DEMOCRATICHE
I perfezionamenti della Costituzione ai quali abbiamo rinunciato per “sventare il rischio di una deriva autoritaria”: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 417.

Vai al portale della riforma del lavo

ANPALTHE DAY AFTER – 3. GLI EFFETTI SULLE POLITICHE DEL LAVORO
La riforma dei servizi per l’impiego, con il consenso delle 20 Regioni, ha anticipato di due anni la riforma costituzionale; ora il rischio è che tutto il cammino fatto venga azzerato. Leggi il mio terzo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 417.

Berlusconi e BersaniTHE DAY AFTER – 4. GLI EFFETTI SUL SISTEMA ELETTORALE
Dopo 40 anni di sistema politico consociativo fondato su di un sistema elettorale proporzionale, e 25 di democrazia dell’alternanza azzoppata dal bicameralismo perfetto, il rischio è di tornare al punto di partenza. Leggi il mio quarto editoriale telegrafico per la Nwsl n. 417.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

 

 

Franco Bruni

Franco Bruni

COME SI COMBATTE IL VOTO IRRAZIONALE DI MERA PROTESTA
Non sempre è praticabile la ricetta dell’ “indennizzare i perdenti della globalizzazione”: si può redistribuire il denaro, ma può non essere la cosa migliore restituire rendite o potere a chi lo ha perso. Occorre curare l’ansia e i complessi di “inferiorità politica” che il mutamento rapido produce. Leggi l’editoriale di Franco Bruni, economista della Bocconi, pubblicato su la Stampa di giovedì.

.

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al 2015 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 750 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso. Mi sembra di avere adempiuto in modo rigoroso e del tutto trasparente entrambi questi impegni, fino allo scioglimento della 16ma. Nella 17ma, che si è aperta il 15 marzo 2013, mi propongo di continuare il lavoro politico a sostegno delle stesse mie idee e proposte nella formazione politica nuova che è nata a sostegno della strategia europea disegnata per l’Italia da Mario Monti”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.