Brexit-Grexit-EU-CartoonBREXIT – 1. FORSE NON VIENE TUTTA PER NUOCERE
Ogni eccesso di ansia, anche quello suscitato dalla globalizzazione, può e deve essere curato; la vicenda del Regno Unito può spingerci a farlo un po’ meglio di come l’abbiamo fatto finora: leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 398. In argomento v. anche sul Corriere della Sera di giovedì  l’editoriale in cui Dario Di Vico riprende il discorso di un mio editoriale telegrafico della settimana scorsa: I riformisti vecchi e nuovi alla prova dei perdenti della globalizzazione.

House Prices Widen The North-South DivideBREXIT – 2. E SE INVECE POI NON USCISSERO AFFATTO?
La strada per il recesso della Gran Bretagna dall’UE è ancora irta di ostacoli istituzionali ed economici; ma l’ostacolo maggiore potrebbe essere costituito dal ripensamento politico degli inglesi: cerchiamo di favorirlo in tutti i modi. Leggi il mio secondo editoriale telgrafico per la Nwsl n. 398.

carrello della spesaCETA, TISA E TTIP: I DEBOLISSIMI ARGOMENTI CONTRARI DEL M5S
I trattati di libero scambio possono produrre la chiusura delle aziende meno produttive, ma questa è sempre stata ampiamente compensata dall’aumento dell’occupazione nelle aziende più forti. La specializzazione produttiva internazionale fa bene non solo alle imprese, ma anche ai lavoratori. Leggi il mio commento alle tesi sostenute dalla eurodeputata M5S Tiziana Beghin.

Vai al portale della riforma del lavo

VarsaviaTHE ITALIAN LABOR REFORM OF 2015 AND ITS PRECEDENTS
An explanation for foreign observers of the milestones and the meaning of the evolution of Italian legislation on employment and labor market, with special attention to the recent reform that goes under the name of Jobs Act: unload the slides of the report I presented wednesday at a workshop organized in Warsaw by the World Bank.

elezioni comunaliPERCHÉ LE NOSTRE ELEZIONI COMUNALI DANNO UNA MANO AL “SÌ”
Qui parliamo del nostro referendum costituzionale di ottobre: l’esito del voto per i sindaci conferma che non c’è alcun rischio di involuzione autoritaria e mostra come, semmai, il ballottaggio sia indispensabile per dare al Paese un governo stabile, sorretto dal voto di una maggioranza: leggi il mio terzo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 398 (in realtà, primo in ordine di tempo).

caos politicoCHE ACCADE SE INVECE NEL NOSTRO REFERENDUM VINCE IL NO?
Si torna al bicameralismo perfetto, però con un Senato eletto secondo un criterio rigorosamente proporzionale, quindi con un rischio gravissimo di ingovernabilità del Paese. Oltretutto in un contesto di grave crisi di tutti gli equilibri continentali e intercontinentali: e a quel punto l’Italia peserebbe molto meno nella determinazione dei nuovi equilibri, perché sarebbe molto meno credibile. Leggi il messaggio di un lettore, preoccupato per quanto è accaduto nelle elezioni torinesi, e la mia risposta.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

castaIL LAVORO DELLA CASTA DAL VENERDÌ AL LUNEDÌ
Approssimandosi la nwsl n. 400, un lettore della prima ora mi scrive: “sei riuscito a costruire un formidabile, dinamico  monumento di informazione, di  analisi, di commento, di dibattito e, qualche volta, forse, persino di emozione, prezioso nella nostra e-biblioteca e imprescindibile come fonte storiografica”. Segue la mia risposta, sul senso dell’impegno della Nwsl settimanale, nell’era dell’antipolitica.

SIAESIAE: APPROVATO L’ORDINE DEL GIORNO SULLA LIBERALIZZAZIONE
Il Governo si impegna “a individuare la migliore delle soluzioni per garantire il libero mercato dei servizi di tutela dei diritti d’autore, la loro efficienza e la maggiore solvibilità delle agenzie che li svolgono, alla luce del parere dell’Autorità Antitrust”: leggi il testo del documento, approvato oggi senza voti contrari e con due sole astensioni dalla Commissione 14ma del Senato, con l’approvazione del Sottosegretario Sandro Gozi. Ivi anche il comunicato-stampa del Gruppo dei senatori PD.

musumeci_ok_868907

Carmelo Musumeci

UNA LETTERA DALL’ERGASTOLO, E LA RISPOSTA
Nulla di quello che accade fuori del carcere deve sei detenuto ti  è estraneo, perché la pena deve preparare il tuo ritorno a essere libero. Così come nulla di quello che accade dentro può essere estraneo a noi cittadini liberi, perché non c’è crimine meritevole del carcere che anche ciascuno di noi non possa, sciaguratamente, commettere. Leggi questo nuovo scambio “tra dentro e fuori”.

 

 

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al 2015 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 750 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso. Mi sembra di avere adempiuto in modo rigoroso e del tutto trasparente entrambi questi impegni, fino allo scioglimento della 16ma. Nella 17ma, che si è aperta il 15 marzo 2013, mi propongo di continuare il lavoro politico a sostegno delle stesse mie idee e proposte nella formazione politica nuova che è nata a sostegno della strategia europea disegnata per l’Italia da Mario Monti”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.