Ceta 2LE PAURE INFONDATE PER L’ACCORDO UE-CANADA
Le preoccupazioni diffuse circa i pericoli per la salute o (addirittura!) per le istituzioni democratiche derivanti dall’Accordo UE-Canada sul libero commercio nascondono in realtà la diffidenza istintiva  verso l’abbattimento dei vecchi muri protettivi: leggi il mio articolo di oggi sul Corriere della Sera. Per una trattazione più ampia v. la mia relazione sul disegno di legge di ratifica dell’accordo, sulla base della quale mercoledì scorso la Commissione Lavoro del Senato ha espresso parere favorevole.

Remain 2BREXIT: UN ANNO DOPO APPARE PIÙ APPEALING IL REMAIN
La constatazione, cui l’opinione pubblica britannica verrà prima o poi costretta, che i costi dell’uscita  dalla UE sono molto maggiori di quelli di una – pur mortificante – retromarcia su questo terreno costituirà una lezione politica preziosa anche al di qua della Manica: leggi il mio editoriale telegrafico nell’anniversario dello sciagurato referendum del 23 giugno 2016.

il prof. Sergio Fabbrini

il prof. Sergio Fabbrini

LA POLITICA CHE OCCORRE PER UN’ITALIA EUROPEA
Se vogliamo contribuire a trasformare la collaborazione franco-tedesca in un progetto comunitario, dobbiamo uscire dalle prossime elezioni con una coalizione maggioritaria (perché trasversale) a favore dell’Europa: cioè far sì che si aggreghino tutte le forze e i leader che si riconoscono in un’Italia europea. Leggi il fondo di Sergio Fabbrini pubblicato sul Sole 24 Ore lunedì.

Vai al portale della riforma del lavo

Occupazione 2017RIDURRE IL “CUNEO” PER IL LAVORO DEI GIOVANI
La strategia del Governo per ridurre il costo del lavoro;  le opportunità di occupazione inutilizzate; il ruolo cruciale delle politiche attive del lavoro; gli interrogativi sull’impatto dell’innovazione tecnologica sull’occupazione nel futuro prossimo: leggi la mia intervista pubblicata domenica sul Messaggero Veneto, in vista degli incontri pubblici di domani a Udine e Pordenone.

RobotL’IMPATTO DEI ROBOT SULL’OCCUPAZIONE
Sono on line anche le slides della presentazione che ho svolto nei due incontri di ieri a Udine e Pordenone, con i dati occupazionali aggiornati e con un’attenzione particolare alla questione del futuro del lavoro nell’era dell’intelligenza artificiale. Ivi anche il link che consente di scaricare le slides dell’ILO, presentate da Gianni Rosas alla Commissione Lavoro del Senato mercoledì, su Il futuro del lavoro.

Ius soli 3LA LEGGE SULLO IUS SOLI ALL’ESAME DEL SENATO
Un provvedimento equilibrato, che su questa materia allinea il nostro ordinamento a quelli tedesco, britannico e francese, ma più restrittiva rispetto agli ordinamenti statunitense e brasiliano. Leggi la nota tecnica predisposta dal senatore Gianpiero Dalla Zuanna, professore di demografia dell’Università di Padova.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

 

 

Il professor Giuseppe Santoro Passarelli

Il professor Giuseppe Santoro Passarelli

ANCHE IL GARANTE PER GLI SCIOPERI CHIEDE PIÙ DEMOCRAZIA SINDACALE
“Appaiono ormai maturi i tempi per una riflessione, anche in sede legislativa, sull’opportunità di trovare dei sistemi di governo del conflitto che siano mutuati dai principi della democrazia rappresentativa e collegare, quindi, il potere di proclamazione dello sciopero, nel settore dei servizi pubblici essenziali, al raggiungimento di parametri di rappresentatività“: lo  afferma il presidente della Commissione di Garanzia, Giuseppe Santoro Passarelli, nella sua relazione annuale svolta giovedì alla Camera.

Sciopero della scuolaSUI DANNI EVITABILI DELLO SCIOPERO NELLA SCUOLA
Pure l’astensione dal lavoro proclamata da sindacati minoritari, e persino quella cui non aderisce nessuno, producono disservizi gravi e costi per l’Amministrazione e le famiglie, che sarebbero tutti evitabili vincolando il personale scolastico a dichiarare in tempo utile la propria adesione o no: leggi la lettera di un Dirigente scolastico, a seguito della mia intervista al Corriere della Sera della settimana scorsa.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.