FCA-1: SE NEL 2010 AVESSE PREVALSO IL “NO” DELLA FIOM
L’Italia avrebbe perso un piano industriale di eccellenza assoluta: su questo il sindacato di Landini deve al Paese e ai lavoratori un’autocritica seria. Leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 341. In argomento ripropongo il Dialogo tra un lavoratore della Fiat e un sindacalista Fiom, pubblicato su questo sito nel settembre 2012.

FCA-2: L’AUTOCRITICA CHE NON ABBIAMO SENTITO DA BERSANI E LETTA
Nel 2010 il segretario e il vicesegretario del Pd si accodarono alla demonizzazione di Marchionne da parte della Fiom; un errore che stanno ripetendo oggi nei confronti delle riforme del governo Renzi, con gli stessi toni apocalittici: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 341. Sull’intera vicenda v. su questo sito la raccolta di scritti, dibattiti e documenti nel portale La vicenda Fiat.

Portale della Semplificazione e della Flexsecurity

COSA DICE IL DEF SUL MERCATO E LE POLITICHE DEL LAVORO
Sono  on line la relazione che ho svolto martedì alla Commissione Lavoro sul Documento di Economia e Finanza e il parere che la stessa Commissione ha approvato all’esito del dibattito, su mia proposta, sugli indirizzi di politica del lavoro del Governo. Si segnala il primo endorsement al progetto di una azione positiva per la promozione dell’occupazione femminile mediante detassazione selettiva dei redditi, incominciando dal Mezzogiorno.

LA RELAZIONE DI SACCONI SUL DECRETO “RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO”
Il testo legislativo presentato al Parlamento propone una prima stesura, non scevra da difetti anche assai rilevanti, del provvedimento attuativo della delega in materia di tipi di rapporto di lavoro: saranno opportuni alcuni interventi mirati a renderlo meglio corrispondente ai contenuti della delega. È on line la relazione svolta dal presidente alla Commissione Lavoro del Senato mercoledì.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

RIFORMA ELETTORALE: L’AUDIZIONE DI AUGUSTO BARBERA ALLA CAMERA
Le accuse di attentato alla democrazia, che vengono mosse al disegno di legge approvato dal Senato e ora in terza lettura alla Camera, non reggono a un esame attento e spassionato (mentre il rischio di lasciare il paese privo di una legge elettorale praticabile è gravissimo e incombente): leggi gli appunti del costituzionalista Augusto Barbera per la sua esposizione di lunedì davanti alla Commissione Affari costituzionali di Montecitorio.

CHARTER SCHOOLS; UN BUON ESEMPIO DAGLI USA PER LA “BUONA SCUOLA”
L’esperienza delle Charter schools statunitensi (no profit), con la loro piena autonomia gestionale, ma anche piena responsabilizzazione riguardo ai risultati, indica la via che dovrebbe essere seguita anche dal Governo italiano per la riforma dell’istruzione pubblica: leggi il fondo di Andrea Ichino e Guido Tabellini sul Sole 24 Ore del 31 marzo.

 

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella sita in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al 2012 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 125 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 470 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore ed Europa – e i 55 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), le più sostanziose tra le innumerevoli interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una ampia selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 26 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.
ichino-home.jpg

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso. Mi sembra di avere adempiuto in modo rigoroso e del tutto trasparente entrambi questi impegni, fino allo scioglimento della 16ma. Nella 17ma, che si è aperta il 15 marzo 2013, mi propongo di continuare il lavoro politico a sostegno delle stesse mie idee e proposte nella formazione politica nuova che è nata a sostegno della strategia europea disegnata per l’Italia da Mario Monti”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo; e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.