IL GITARIO: ALLA PANIA ATTRAVERSO
IL PASSO DEGLI UOMINI DELLA NEVE
Sulle orme dei montanari che un secolo fa portavano ai gelatai e ai villeggianti più ricchi della costa versiliese la neve ghiacciata dal versante settentrionale di uno dei monti più alti delle Alpi Apuane, passando per il luogo dove uno di loro, il “Nonno di Collemezzana”, venne ucciso dai nazisti per punirlo dell’assistenza data ad alcuni partigiani: è online la descrizione dell’itinerario corredata da numerose foto.

I LAUDATORI DI MARCHIONNE TARDIVI E SMEMORATI
Il buon giornalismo è fatto, oltre che di indipendenza di giudizio, anche di coerenza e capacità di autocritica: due virtù che si richiedono a giornali e giornalisti esattamente come loro le esigono dai politici e dai sindacalisti. E di cui la Repubblica non ha fatto sfoggio nella vicenda del grande capitano d’industria: leggi il mio editoriale telegrafico pubblicato sul quotidiano il Foglio.

NEGLI ANNI ’70 E ’80 LE RADICI DEI MALI DI OGGI
Alle origini delle convulsioni politiche e sindacali attuali le vicende italiane raccontate ne La casa nella pineta. La quantità e la qualità dell’occupazione aumenterebbero se si riducesse il cuneo fiscale e contributivo, gonfiato nei decenni passati, e se funzionassero bene i servizi nel mercato del lavoro. Leggi la mia intervista al Giornale di Sicilia.

il prof. Tito Boeri, presidente dell’Inps

IL DECRETO IMPROVVISAZIONE
“Onestà” non è soltanto non rubare, ma anche non usare il potere legislativo a soli fini di propaganda, non produrre leggi che sono fatte solo per poter lanciare qualche slogan, come quello ridicolo della “Waterloo del precariato”:  leggi la mia intervista pubblicata da Italia Oggi, Il decreto improvvisazione oggi. La settimana scorsa, la mia intervista pubblicata dal Quotidiano Nazionale (La Nazione, Il Giorno, Il Resto del Carlino) il 14 luglio Un decreto destinato produrre effetti scarsi, nel bene e nel male.

L’ERRORE DI TORNARE ALLA “CAUSALE” PER I CONTRATTI A TERMINE
Leggi la mia intervista a La provincia di Como. Sullo stesso tema v. il  mio articolo su lavoce.info: affidare al giudice il controllo sul “giustificato motivo” di assunzione a termine o di licenziamento equivale a burocratizzare le scelte imprenditoriali, o esporle a una elevata incertezza dell’esito della verifica giudiziale. Più trasparente ed efficace la tecnica del “filtro automatico”.

LA CASA NELLA PINETA: IL LIBRO  LETTO DA L. ANNUNZIATA…
È online la trascrizione di un approfondito intervento-recensione svolto nel corso della presentazione svoltasi a Roma il 13 giugno scorso dalla nota giornalista.

… E DA CLARA SERENI
È online il commento dell’autrice de Il gioco dei regni: “[…] del sindacato questo libro ora mi fa capire un po’ di più gli snodi, le distorsioni. […] Il rapporto con tuo padre mi ha molto ma molto commossa […] le pagine che raccontano il suo ultimo periodo, e la sua morte, sono – senza piaggeria – straordinarie […]”.

La presentazione de “La casa nella pineta” al Forte, con Maria Elena Boschi e Piero Meucci

NUOVI COMMENTI E DOMANDE DIFFICILI
Nella pagina web dedicata al libro sono online questi altri commenti e recensioni delle due settimane scorse:
Un video-colloquio su La casa nella pineta, conversazione con Alessia Liparoti, trasmessa dall’emittente tv Le Fonti il 16 luglio;
“C’è continuità o no tra il tuo passato e il tuo presente?”, è la domanda che mi pone l’amico d’infanzia Franco Bruni, dopo la presentazione  svoltasi il 13 luglio al Forte con la partecipazione di Maria Elena Boschi;
Una boccata di aria fresca, che fa nascere qualche rimpianto, lettera di Silvia Pogliano, dalla Comunità di Villapizzone, del 5 luglio 2018;
Un libro destinato a diventare un classico, lettera di Azzurra Di Carlo, da Teramo, del 3 luglio;
Racconti intimi e familiari per parlare al cuore di tutti, recensione a cura di Antonio Calabrò, nella rubrica Libri a confronto, pubblicata sul Quotidiano Nazionale (Il Giorno, La Nazione, Il Resto del Carlino) il 1° luglio 2018.

IL LAVORO NELL’ERA DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Nel prossimo futuro il lavoro umano avrà bisogno innanzitutto di un sistema capillare di servizi per la transizione dal vecchio al nuovo lavoro: la sicurezza e la parità di opportunità dovranno essere garantite sempre di più nel mercato e nei suoi percorsi, piuttosto che nel rapporto di lavoro. Leggi la mia intervista pubblicata nell’insserto Dossier de il Giornale, di giugno.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it” Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.