JOBS ACT: IL DISCORSO NON RIGUARDA SOLTANTO L’ART. 18 (ma anche quello)
Il dibattito in corso in senato sulla riforma del lavoro non può essere ridotto a uno stucchevole ripetersi della zuffa sulla disciplina dei licenziamenti: il progetto di cui si sta discutendo è molto più ampio e impegnativo. Leggi
-  la mia intervista del 14 agosto su Repubblica;
- la mia intervista del 17 agosto all’Agenzia ADN Kronos;
- la mia intervista del 27 agosto al Foglio.

LA COSTITUZIONE NECESSARIA DOPO LA CADUTA DEL MURO
Voltiamo pagina rispetto a un assetto istituzionale prodotto dall’epoca in cui la priorità era la riduzione delle capacità decisionali del Governo; ora Renzi mostri la stessa determinazione su lavoro, giustizia e p.a.: leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 308.

LA SOMMA DEI “NO”, OVVERO: GRILLO E L’INCONCLUDENZA
Col cavalcare tutte le paure e i conservatorismi, Grillo diventa fattore di quella stessa inconcludenza della politica contro la quale il M5S era nato: leggi l’altro mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 308.

Portale della Semplificazione e della Flexsecurity

PENSIONI: LA CONTRORIFORMA DEI “NON ESODATI”
Se abbiamo risorse, utilizziamole per sostenere il reddito dei cinquantenni e sessantenni disoccupati incentivandone la presenza attiva nel mercato del lavoro, non l’uscita definitiva. Leggi la mia Lettera sul lavoro pubblicata sul Corriere della Sera del 12 agosto e, sullo stesso argomento, una scheda tecnica sulle cinque “salvaguardie” già fatte.

SULL’INEFFICIENZA DELLE AMMINISTRAZIONI EVITIAMO I RITI AUTOASSOLUTORI
Lo schema per cui quando nello Stato le cose non funzionano si vara una riforma legislativa ha il significato di una sistematica autoassoluzione: “non è colpa nostra, sono le norme che vanno cambiate”: leggi il il mio intervento in Senato nella discussione sul decreto n. 90/2014 in tema di riforma degli uffici pubblici. È on line anche la mia dichiarazione di voto per il Gruppo SC sul decreto: La vera rivoluzione di cui le amministrazioni hanno bisogno.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

IMMUNITÀ PARLAMENTARE: UNA PROPOSTA MOLTO RAGIONEVOLE
Ciò che ha reso odioso questo istituto è l’uso che ne venne fatto dalle Camere per quattro decenni; esso può però ritrovare il consenso dell’opinione pubblica se – secondo la proposta presentata dai senatori del Gruppo di SC - si affida alla Corte costituzionale il compito di arbitrare tra potere giudiziario e Parlamento: leggi il mio intervento di illustrazione dell’emendamento svolto in Senato lunedì.

IL FLOP DEL “BONUS GIOVANI” E IL RUOLO DEI CONSULENTI DEL LAVORO
Non è certo colpa dei liberi professionisti se la complessità delle norme sul lavoro rende indispensabile la loro opera, con i costi per le imprese che questo comporta: leggi la lettera di una consulente del lavoro e la mia risposta.

SE GLI “INSIDER AFAM” PASSANO… ALLE VIE DI FATTO
La lettera di un docente di Conservatorio mette giustamente in rilievo l’aggressività implicita nella reazione del “Coordinamento precari” alla mia interrogazione al ministro dell’Istruzione sulla questione dei criteri di reclutamento negli Istituti musicali. Nella mia risposta riporto gli insulti che mi sono stati rivolti sul web da qualche esponente dello stesso Coordinamento.

.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L
‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella sita in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al giugno 2012 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 125 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 470 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore ed Europa – e i 55 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), le più sostanziose tra le innumerevoli interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una ampia selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 26 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

ichino-home.jpg

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso. Mi sembra di avere adempiuto in modo rigoroso e del tutto trasparente entrambi questi impegni, fino allo scioglimento della 16ma. Nella 17ma, che si è aperta il 15 marzo 2013, mi propongo di continuare il lavoro politico a sostegno delle stesse mie idee e proposte nella formazione politica nuova che è nata a sostegno della strategia europea disegnata per l’Italia da Mario Monti”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it
.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti  disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo; e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.