Lavorare meno lavorare tuttiLA POLITICA DEL LAVORO DEL M5S – 1. LAVORARE MENO…
… per lavorare tutti: ma le esperienze francesi del 1981 e del 2001 mostrano che la riduzione generale autoritativa dell’orario di lavoro non redistribuisce l’occupazione; e gli studiosi ne hanno spiegato approfonditamente i motivi. Leggi il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 433.

PantaloneLA POLITICA DEL LAVORO DEL M5S – 2. STAFFETTA GENERAZIONALE
Prepensionare i sessantenni aumentando il debito pubblico significa far pagare un conto salatissimo, ancorché differito, proprio a quei giovani in nome dei quali la proposta viene avanzata. La disoccupazione giovanile si combatte soprattutto con servizi di orientamento scolastico e professionale più efficaci e capillari: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 433.

Marco Bentivogli, segretario nazionale della Fim-Cisl

Marco Bentivogli

LA VOLATILITÀ DELLA LEGGE E LA RIVINCITA DEL CONTRATTO
L’inaffidabilità della legislazione in materia di lavoro richiede una nuova assunzione di responsabilità da parte del sistema delle relazioni industriali: leggi l’articolo che ho pubblicato con Marco Bentivogli, segretario nazionale della Fim-Cisl, sul Corriere della Sera di venerdì.

Vai al portale della riforma del lavo

buono lavoroLA SVOLTA INDISPENSABILE SU VOUCHER E APPALTI
La questione dei buoni-lavoro deve essere affrontata in modo pragmatico, sulla base di uno studio attento del modo in cui hanno fin qui funzionato e delle esperienze straniere. In materia di appalti occorre che la contrattazione collettiva riacquisti la propria centralità, adeguando la disciplina alle esigenze concrete. È on line il mio intervento in Senato sulla pars destruens dell’iniziativa del Governo in questi due campi, e sulla pars construens che deve immediatamente seguire.

Italia ed EuropaUN’INTESA NECESSARIA, IN CHIAVE COSTITUENTE
Dobbiamo pensare che ci sia una declinazione di sinistra e una di destra della “riforma europea dell’italia”, ma che tra di esse sia possibile un’intesa politica in chiave sostanzialmente costituente, indispensabile per battere quelli che puntano a un ritorno alle povere piccole sovranità nazionali: leggi la mia intervista pubblicata martedì su il Foglio.

Altan 23IV17

Altan su Repubblica del 23.4

LE PRESIDENZIALI IN FRANCIA: MACRON E IL RISCHIO LE PEN
La politica francese si sta ristrutturando secondo il nuovo discrimine fondamentale, pro o contro l’integrazione europea: le elezioni presidenziali costituiscono la verbalizzazione ufficiale di ciò che è ormai evidente da tempo: leggi l’articolo di Alessandro Maran, pubblicato giovedì sul sito Italiaincammino.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

 

 

AlitaliaALITALIA: LE RESPONSABILITÀ DI UNA CRISI INTERMINABILE
Sulle responsabilità politiche, manageriali, sindacali e dei dipendenti della nostra “compagnia di bandiera”, tra le cause di una crisi che si trascina ormai da un quarto di secolo, v. i documenti e gli interventi raccolti nel portale Le vicende di Alitalia nell’ultimo quindicennio.

Sede SiaeL’INTERVENTO DELL’ANTITRUST SUL MONOPOLIO SIAE
Dopo il parere dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato del giugno scorso, e dopo che il ministero dei Beni culturali è venuto meno all’impegno assunto davanti al Parlamento nel luglio scorso, di uniformarsi a quel parere, l’apertura dell’istruttoria da parte della stessa AGCM era inevitabile: leggi la mia dichiarazione alla stampa diffusa la settimana scorsa.

Don MilaniDON LORENZO MILANI DAL VIVO
L’intervento prezioso di Adele Corradi, che affiancò il priore di Barbiana nell’insegnamento; il racconto di una “trasferta” dei ragazzi di quella scuola a Milano, nel 1958; l’intervento di Sandra, figlia di Michele Gesualdi, l’allievo che ora racconta in un libro la vita del maestro. È on line il video dell’intero convegno svoltosi il 6 aprile a Roma con il patrocinio della presidenza del Senato. La risposta più netta contro la diffamazione del priore di Barbiana, usata squallidamente in questi giorni da uno scrittore per dare visibilità al proprio romanzo.

 *   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al 2015 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 750 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.