LAVORO E WELFARE: IL PROGRAMMA DEL GOVERNO M5S-LEGA
In materia di diritto del lavoro salta all’occhio la prevedibile e prevista rinuncia a toccare il Jobs Act. Nella materia pensionistica e del contrasto alla povertà, le misure proposte presentano costi spropositati, che si raddoppierebbero per effetto dell’aumento degli interessi sul debito pubblico che ne conseguirebbe. Leggi i §§ 13, 16 e 18 della penultima edizione del programma del Governo giallo-verde, con i miei commenti punto per punto.  E ora il commento all’ultima edizione, pubblicato oggi su Lavoce.info.

SOVRANISTI vs EUROPEISTI: UNA SVOLTA ANNUNCIATA
Un lettore osserva come il rivolgimento che si sta producendo nella politica italiana corrisponda esattamente alla previsione, pubblicata su questo sito cinque anni or sono, secondo cui il discrimine principale della politica italiana era destinato a spostarsi dallo spartiacque destra/sinistra a quello sovranisti/europeisti: leggi la lettera e la mia articolata risposta.

LA VITA CHE SI INTRECCIA CON LA STORIA DEL PAESE
“Il racconto [de La casa nella pineta] è soprattutto l’intreccio tra le vicende di una famiglia e i grandi eventi del secolo scorso: dai fatti di Ungheria del ’56 alla crisi di Suez, al Concilio Vaticano II, al ’68, agli anni di piombo culminati nell’assassinio di Aldo Moro, fino alla caduta del Muro dell’89: una storia che nelle nostre scuole si insegna ancora pochissimo”: leggi il testo integrale dell’intervista pubblicata, con alcuni tagli per ragioni di spazio, sul Libero dell’11 maggio. Inoltre:
l’ampia intervista pubblicata sul Corriere Fiorentino il 13 maggio, in vista della presentazione a Firenze di mercoledì;
l’intervista pubblicata sul Giornale di Brescia il 14 maggio, in vista della presentazione a Montirone del giorno successivo;
Storia di una famiglia borghese in esterno versiliese, recensione di Piero Meucci su Stamp Toscana.

“UN LIBRO CHE SPIAZZA, COMMUOVE E FA PENSARE”
Tra i nuovi commenti a La casa nella pineta, quello di Enrico Castellano, Un “lessico familiare” che rispecchia i temi e i valori di tante famiglie: “è leggendo La casa nella Pineta che sto gustando pienamente anche il suo umorismo […]”; e quello di Gianfranco Paratella, Un libro che spiazza, commuove e fa pensare: “Da sempre sono un divoratore di gialli, ma non mi era mai accaduto di leggere una biografia come un poliziesco”.

DON MILANI E IL DONMILANISMO
“Non si può distinguere troppo tra don Milani e ‘donmilanismo’, se quest’ultimo molto spesso si è paradossalmente tradotto in una scuola che ha pensato di assolversi promuovendo anche chi non lo meritava“: leggi la lettera di Giorgio Ragazzini, promotore e membro del “Gruppo di Firenze”, molto attivo per il miglioramento della scuola.

A NEW LABOUR LAW FOR PLATWORM WORKERS
A possible change in the boundaries of the labour law system; a set of rights for the new tertium genus of independent proletarians: download my essay published on the journal Work Organization, Labour and Globalization.

PER FAR DECOLLARE I CPI SERVONO GLI SPECIALISTI
“Il confronto con la Germania non sta in piedi. Da noi si spendono ancora troppi soldi per la Cassa integrazione, che è la misura sbagliata se si vuole sostenere i lavoratori nella transizione dal vecchio lavoro al nuovo”: leggi l’intervista ad Alessandra Sartori, docente di diritto del mercato del lavoro nell’Università statale di Milano, pubblicata oggi su Libero.

GIUSTIZIA: UN ERRORE PICCOLO MA SIGNIFICATIVO NEL “CONTRATTO” M5S-LEGA
Leggi il mio editoriale telegrafico per la Nwsl n. 478, nel quale segnalo un punto del programma del nuovo Governo, dove si propone l’emanazione di una norma già esistente: quella che obbliga il giudice a formulare fin dall’inizio del procedimento il “calendario del processo”. Se questa norma è quasi sempre disapplicata, emanarne una nuova non serve: occorre piuttosto dotare i giudici che intendano avvalersene dello strumento tecnico necessario. Anche questo già c’è (v. il portale dedicato al progetto Themis), ma l’Amministrazione della Giustizia incomprensibilmente rifiuta di avvalersene, nonostante i risultati straordinariamente positivi della sua sperimentazione.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it” Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.