TrumpCINQUE APPUNTI TELEGRAFICI SU DONALD TRUMP E NOI
Stiamo attenti a non liquidare il neo-presidente U.S.A. come “populista”, o “di estrema destra”: è il nuovo leader dei “sovranisti” di tutto il mondo, i cui argomenti non sono irragionevoli, né propri della sola destra, ma vanno contrastati dimostrando che la globalizzazione può convenire davvero a tutti. Leggi il mio editoriale per la Nwsl n.  421.

cASSESEGLI INSEGNANTI HANNO IL DOVERE DI TRASFERIRSI DOVE LA SCUOLA HA BISOGNO DI LORO
“Se l’80 per cento dei professori viene dal sud mentre gli studenti meridionali sono solo il 40 per cento, è evidente che metà dei professori del sud deve trasferirsi al centro-nord: la scuola deve operare prioritariamente in funzione dell’interesse degli studenti”leggi la bella intevista del professor Sabino Cassese, pubblicata sul Foglio martedì.

Trasparenza e Valutazione nelle p.a.

 

 

Legge-104ABUSI DELLE TUTELE: ALCUNE RISPOSTE A OLIVERI
Tra settore pubblico e privato le norme sono solo marginamente diverse: quello che conta è la responsabilizzazione dei dirigenti e la loro capacità di dare il buon esempio, innanzitutto, ma anche di motivare i propri dipendenti, responsabilizzarli a loro volta su obiettivi precisi, controllarne la prestazione e dove occorre sanzionarne gli abusi. Leggi le risposte mie e di due lettori a un articolo fortemente critico di Luigi Oliveri nei confronti della mia intervista pubblicata l’8 gennaio scorso su Repubblica.

Orlando

Andrea Orlando

LA GIUSTIZIA NELL’ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE
Crescono i profili sovranazionali dell’amministrazione giudiziaria non solo sul piano civile, ma anche su quello penale e della lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata: oggi nessuno Stato nazionale può restare isolato nello svolgimento di questo suo compito essenziale. Leggi la relazione svolta dal ministro della Giustizia Andrea Orlando al Senato mercoledì.

Vai al portale della riforma del lavo

Una esecuzione capitale in Arabia SauditaCONTRO LE ESECUZIONI CAPITALI IN ARABIA SAUDITA
È uno dei paesi con il numero di condanne a morte più alto del mondo, anche in termini assoluti, con l’aggravante di un sistema giudiziario opaco, nel quale le garanzie per l’imputato sono, invece, ai livelli più bassi del mondo: leggi la lettera inviatami da tre associazioni che si battono per i diritti umani in questo Paese del Medio Oriente.

 

Repubblica 2PERCHÉ I MEDIA NON RENDANO LA POLITICA ANCOR PIÙ CONTUNDENTE
Nei Paesi anglosassoni ai giornalisti è vietato attribuire alla persona intervistata anche una sola parola che non sia stata detta; da noi, invece, è consentito attribuirle espressioni che ne rendono il pensiero un po’ più contundente: una piccola iniezione di faziosità di cui la politica non avrebbe bisogno. Leggi la lettera che ho inviato il 9 nennaio scorso al Direttore de la Repubblica, da lui inoltrata ai giornalisti del quotidiano con l’invito ad adottare uno standard di accuratezza più rigoroso nelle interviste, evitando gli eccessi di “polarizzazione” del pensiero degli interlocutori.

.

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato al 2015 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 750 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

“Ho dedicato tutta la mia vita adulta a studiare i problemi del lavoro e delle relazioni industriali, a elaborare possibili soluzioni, a farne oggetto di commento anche per il grande pubblico. Lo ho fatto conservando sempre un legame affettivo e culturale profondo con il movimento sindacale, ma conservando anche la mia assoluta indipendenza di giudizio. Nel 2008 ho accettato il mandato parlamentare nelle liste del Pd, che avevo contribuito a fondare, assumendo due impegni: verso questo partito, la massima lealtà nel voto; verso i miei lettori ed elettori, continuare a dire, scrivere e proporre in modo chiaro e diretto tutto quello che penso”.

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it. Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.