FOODORA: IL DIRITTO DEL LAVORO NELLA GIG-ECONOMY
Il Tribunale di Torino, applicando la legge vigente, nega ai fattorini di Foodora la qualifica (e i diritti) di lavoratori subordinati; resta così insoddisfatta un’esigenza di protezione, alla quale però in altri Paesi si incominciano a dare risposte modellate secondo nuovi schemi. Sono online su questo sito:
il testo integrale della mia intervista pubblicata su la Stampa del 13 aprile;
– il mio articolo pubblicato il 13 aprile su lavoce.info;
– la mia intervista a Radio Radicale del 16 aprile.

QUEL PATTO POCO UTILE PER LA FABBRICA
Se con il Patto per la fabbrica Cgil, Cisl, Uil e Confindustria volevano affermare la capacità di autogoverno del sistema delle relazioni industriali, dovevano mostrare una maggiore capacità di mettere a fuoco i problemi e una maggiore chiarezza nel disporne la soluzione: leggi il mio articolo pubblicato martedì su lavoce.info.

Luigl Di Maio e Pasquale Tridico

LA BATTAGLIA DI RETROGUARDIA DEL M5S SULL’ARTICOLO 18
Se si escludono i quattordici parlamentari di LeU, nessuna delle forze politiche cui il Partito di Di Maio si rivolge come potenziali alleate di governo sarebbe disponibile per questo ritorno al vecchio regime di job property, che non esiste in alcun altro Paese al mondo: leggi la mia ampia intervista pubblicata martedì da Italia Oggi.

I COMMENTI A LA CASA NELLA PINETA
Sono online le recensioni
– di Alessandro Zaccuri, Dalla villa in Versilia alla messa in piazza, cronache di una vita che cerca di restituire, su l’Avvenire di mercoledì;
– di Dario Di Vico, Il marchio a fuoco di don Milani sulla pelle del riformista Ichino, sul Corriere della Sera del 7 aprile.

IL CONTROLLO SULLO SVUOTAMENTO DEI CESTINI LIVORNESI
Se le nuove apparecchiature adottate nel capoluogo toscano consentono l’osservazione a distanza dell’operato degli addetti in tempo reale, il loro utilizzo deve essere concordato con le rappresentanze sindacali o autorizzato dall’Ispettorato: leggi la mia intervista pubblicata oggi sul Corriere Fiorentino.

SE MATTARELLA PONE AL CENTRO LA QUESTIONE UE
Per superare la paralisi delle istituzioni, il Capo dello Stato – che è garante della Costituzione e dunque anche del rispetto degli impegni internazionali dell’Italia – sarebbe pienamente legittimato a farlo. E a quel punto molte cose potrebbero cambiare: leggi il mio primo editoriale telegrafico per laNwsl n. 475.

Enrico Morando

LA VOLATILITÀ DEI CONSENSI NON È A SENSO UNICO
I voti perduti ritorneranno se il Pd si caratterizzerà con più forza come il partito degli europeisti e se porrà al centro del proprio discorso una proposta incisiva per il lavoro delle donne (v. il d.d.l. Morando 2010) e per il welfare familiare: leggi il mio secondo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 475.

LA COSTITUZIONE SPIEGATA AI BAMBINI
Presentazione nel linguaggio più elementare, e con l’aiuto di immagini adatte a bimbi di sette o otto anni, della nozione di Costituzione, del modo in cui è nata la Costituzione italiana e del suo contenuto essenziale: sono on line le diapositive di cui mi avvarrò per una lezione alle classi terze della Scuola Elementare di via Vigevano (Milano) il 18 aprile. Le stesse diapositive sono a disposizione delle scuole interessate a lezioni analoghe, anche in formato Power Point.

il prof. Pietro Garibaldi

EFFETTO JOBS ACT: COSA DICONO I DATI
Uno studio scientifico mostra che la riforma del 2015 ha effettivamente causato un aumento rilevante delle assunzioni stabili, e un aumento percentuale pari dei licenziamenti; ma in numeri assoluti le prime sono molte di più dei secondi: leggi l’articolo di Tito Boeri e Pietro Garibaldi pubblicato su lavoce.info il 27 marzo.

*   *   *

SE APPREZZI QUESTO SERVIZIO, COLLABORA ALLA SUA DIFFUSIONE
Agli amici che apprezzano i contenuti di questo sito e della sua Newsletter settimanale chiedo di cooperare ad allargare il novero delle persone che ne usufruiscono, iscrivendo alla mailinglist i parenti, colleghi di lavoro, vicini di casa o conoscenti che possano esservi interessati (è semplicissimo: v. qui sotto come si fa). Nessun timore di duplicare l’iscrizione: il sistema è programmato per eliminare automaticamente i doppioni.

COME CI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER (E CI SI CANCELLA)
L‘inserimento di un nuovo indirizzo si fa digitandolo nella apposita finestrella che si trova in ogni pagina del sito, in alto a destra. La cancellazione, invece, si ottiene cliccando sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter.

I MIEI SCRITTI DAL 1974 A OGGI
Nell’Archivio collegato al sito – aggiornato a tutto il 2016 – sono disponibili nel loro testo integrale tutti i 140 saggi pubblicati dal 1974 su riviste di diritto del lavoro, i circa 800 articoli pubblicati dal 1994 su quotidiani – prevalentemente sul Corriere della Sera, ma numerosi anche su l’Unità, il Sole 24 Ore, il Foglio ed Europa – e i 60 articoli del Gitario (rubrica di trekking e mountain bike sulle Alpi Apuane), una selezione delle numerosissime interviste pubblicate dal 2000 su giornali o riviste e una selezione delle slides utilizzate per lezioni, relazioni e comunicazioni a convegni. La ricerca può essere compiuta mediante parole-chiave, oppure parole contenute nel titolo o sottotitolo. Dei 29 libri di diritto del lavoro pubblicati dal 1975 a oggi sono disponibili gli indici; e di quelli fuori commercio anche il testo integrale.

 

Contatto e-mail: ichino@pietroichino.it

.

AVVERTENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ LETTERARIA
I miei scritti disponibili su questo sito sono copy-free: possono dunque essere singolarmente riprodotti on line o su carta, anche senza mia autorizzazione specifica, purché ne vengano mantenuti inalterati il contenuto e il titolo (salvo diverso accordo con me); e a condizione che, sotto il titolo stesso, venga inserita per esteso la dicitura: “tratto dal sito www.pietroichino.it” Sarò grato a chi si avvarrà di questa facoltà se riterrà di avvertirmene, anche soltanto mediante un messaggio email.