NUOVO GOVERNO: SUL LAVORO NON SI CAMBIA (O QUASI)

Nonostante un piccolo emendamento dell’ultima ora mirato a inserire una pennellata polemica nei confronti della riforma voluta dal Pd, sulla politica del lavoro il “contratto” M5S-Lega si pone in sostanziale continuità rispetto alle tendenze principali dell’ultimo ventennio

.
Articolo pubblicato il 24 maggio 2018 su
lavoce.info – In argomento v. anche La politica del lavoro e del welfare del Governo M5S-Lega  Continua…

IL GOVERNO DEI SOVRANISTI E L’OPPOSIZIONE EUROPEISTA: UNA SVOLTA ANNUNCIATA

Un lettore osserva come il rivolgimento che si sta producendo nella politica italiana corrisponda esattamente alla previsione, pubblicata su questo sito cinque anni or sono, secondo cui il discrimine principale della politica italiana era destinato a spostarsi dallo spartiacque destra/sinistra a quello sovranisti/europeisti

.
Lettera pervenuta il 19 maggio 2018; il mio scritto del 2013 cui la lettera si riferisce è
Una mappa per capire che cosa sta accadendo nella politica italiana Segue la mia risposta – Sull’argomento specifico v. anche il mio editoriale telegrafico del 22 gennaio 2018, La posta in gioco del 4 marzo; gli altri interventi e documenti sul tema generale del discrimine politico fondamentale sono raccolti nel portale Il nuovo spartiacque della politica mondiale  Continua…

IDENTIKIT DELLA “FIGURA TERZA AUTOREVOLE” CHE CI OCCORRE

Per essere “terza”, non deve essere troppo politica; ma dovrà pur sempre avere un minimo indispensabile di competenza politica

.
Editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 477, 7 aprile 2018 Continua…

CHE FARE? UN GOVERNO DI TRANSIZIONE COSTITUZIONALE

Quando le squalifiche inappellabili reciproche tra le forze politiche si saranno sfogate, il Capo dello Stato potrà far leva sulla necessità di compiere la facile riforma costituzionale su cui ormai (quasi) tutti concordano

.
Editoriale telegrafico pubblicato sul quotidiano
il Foglio il 30 aprile 2018 – In argomento v. anche quello del 9 aprile, Se Mattarella pone esplicitamente sul tappeto la questione europea    Continua…

I 3 PUNTI DELLA SVOLTA A DESTRA EUROPEA E I PUNTINI DA CONNETTERE PER IL PD

“Si tratta perciò di dar forma ad un sistema dei partiti capace di rappresentare la nuova divisione che c’è oggi in Italia e in Europa (e che Pietro Ichino ha intuito prima di tutti) tra coloro che rifiutano l’interdipendenza e coloro che la ritengono necessaria; e prima si fa, meglio è”

.
Articolo di Alessandro Maran pubblicato su
il Foglio l’11 aprile 2018 – Gli altri documenti e interventi sul tema sono raccolti nel portale Il nuovo spartiacque della politica mondiale
Continua…

ANCORA SUL M5S E LA SUA BATTAGLIA DI RETROGUARDIA SULL’ARTICOLO 18

Se si escludono i quattordici parlamentari di LeU, nessuna delle forze politiche cui il Partito di Di Maio si rivolge come potenziali alleate di governo sarebbe disponibile per questo ritorno al vecchio regime di job property, che non esiste in alcun altro Paese al mondo


Intervista a cura di Alessandra Ricciardi, pubblicata da
Italia Oggi il 10 aprile 2018  – In argomento v. anche Il non detto del M5S sul lavoro
Continua…

LA VOLATILITÀ DEI CONSENSI ELETTORALI NON È A SENSO UNICO

I voti perduti ritorneranno al Pd se si caratterizzerà con più forza come il partito degli europeisti e se porrà al centro del proprio discorso una proposta incisiva per il lavoro delle donne

.
Secondo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 475, 9 aprile 2018 – In argomento v. anche il il primo editoriale telegrafico e il fondo di Maurizio Ferrera, Il non voto di donne e “smarriti” Continua…

SE MATTARELLA PONE ESPLICITAMENTE SUL TAPPETO LA QUESTIONE EUROPEA

Per superare lo stallo, il Capo dello Stato, che è garante della Costituzione e dunque anche del rispetto degli impegni internazionali dell’Italia, sarebbe pienamente legittimato a farlo

.
Primo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 475, 9 aprile 2018 – In argomento v. anche il secondo editoriale telegrafico di oggi, quello del 7 marzo 2018 e quello del settembre 2017, Se M5S e FI si rassegnano al Governo del Presidente        Continua…

DUE COSE CHE CI MANCANO PER UNA BUONA ALTERNANZA AL GOVERNO

Bene l’avvicendarsi di forze opposte al governo del Paese, ma per una democrazia matura manca la cultura della chiarezza dei programmi e del rispetto reciproco

.
Secondo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 474, 26 marzo 2018 – In argomento v. anche il mio editoriale telegrafico del 7 marzo e la mia intervista del gennaio 2015  Quirinale: bilancio di un novennato     Continua…

RENDICONTO DEL LAVORO SVOLTO SUL TERRENO DELLA RIFORMA DELLE AMMINISTRAZIONI

Un lettore mi interroga, oltre che sui miei rapporti recenti con il vertice del Pd, anche su quello che è stato fatto e che ho fatto io personalmente per correggere i difetti più gravi della nostra burocrazia statale – Gli rispondo punto per punto

.
Lettera pervenuta il 14 marzo 2018 – Seguono le mie risposte, che per maggiore immediatezza sono inframezzate alle domande del lettore, evidenziate con il margine rientrato, il carattere corsivo e il colore blu; e una replica dello stesso autore della lettera
Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab