LA VERA RIVOLUZIONE DI CUI LE AMMINISTRAZIONI HANNO BISOGNO

LA “RIVOLUZIONE” NEGLI UFFICI PUBBLICI STA NEL PORRE AL CENTRO NON PIÙ L’INTERESSE DEGLI ADDETTI, MA L’INTERESSE DEI CITTADINI E UTENTI

Dichiarazione di voto per il Gruppo di Scelta Civica sulla legge di conversione del decreto-legge 24 giugno 2014 n. 90 in tema di amministrazioni pubbliche, svolto in Senato nella sessione antimeridiana del 5 agosto 2014 – V. anche il mio intervento nella discussione generale sullo stesso decreto, del giorno precedente Continua…

AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE: L’URGENZA MAGGIORE NON È QUELLA DI UNA NUOVA LEGGE

LO SCHEMA PER CUI QUANDO LE COSE NON FUNZIONANO SI VARA UNA RIFORMA LEGISLATIVA HA IL SIGNIFICATO DI UNA SISTEMATICA AUTOASSOLUZIONE: “NON È COLPA NOSTRA, SONO LE NORME CHE VANNO CAMBIATE”; IN REALTÀ PER LO PIÙ LE COSE NON FUNZIONANO PERCHÉ NOI NON SIAMO CAPACI DI APPLICARE LE NORME CHE GIÀ ESISTONO

Intervento svolto nel corso della sessione pomeridiana del Senato del 4 agosto 2014, in sede di discussione del disegno di legge di conversione del decreto-legge 24 giugno 2014 n. 90 – In argomento v. anche la relazione sugli aspetti previdenziali del decreto che ho svolto il 2 agosto alla Commissione Lavoro Continua…

RELAZIONE ALLA COMMISSIONE LAVORO SUL DECRETO PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

PERPLESSITÀ SULLE NUOVE DISPOSIZIONI CHE RIDUCONO L’ETÀ DEL PENSIONAMENTO NEL SETTORE PUBBLICO RISPETTO A QUELLO PRIVATO E AI CRITERI GENERALI DELLA RIFORMA DEL DICEMBRE 2011

Relazione svolta il 2 agosto 2014 alla Commissione Lavoro sugli aspetti previdenziali del disegno di legge n. 1582/2014 di conversione del decreto-legge 24 giugno 2014 n. 90, recante misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari - La relazione si riferisce alle sole parti del provvedimento rientranti nella competenza della Commissione Lavoro (essendo la materia dell’impiego pubblico, al Senato, di competenza della Commissione Affari costituzionali) – In argomento v. anche  l’articolo di Gianpiero Dalla Zuanna e mio su Europa del giorno precedente   Continua…

I DIRITTI E IL LIMITE DELL’OSTRUZIONISMO

CHI DISSENTE IN PARLAMENTO PUÒ RALLENTARE IL DIBATTITO, MA NON FINO ALLA PARALISI – PUNTANDO ALLA PARALISI DEL SENATO, IL M5S DIMENTICA DI ESSERE NATO ANCHE PER PROTESTARE CONTRO L’INCONCLUDENZA DELLA POLITICA E DELLE ISTITUZIONI

Intervento svolto nel corso della sessione del Senato del 30 luglio 2014 nella discussione circa una delibera della Giunta del Regolamento, favorevole all’interpretazione del Regolamento adottata dal Presidente al fine di limitare gli effetti delle pratiche ostruzionistiche di SEL e del M5S (6000 emendamenti) sul disegno di legge n. 1429/2014, recante la riforma costituzionale Continua…

IL QUESTION TIME IN SENATO SULLE POLITICHE DEL LAVORO

IL MINISTRO RISPONDE IN DIRETTA SULLA RIFORMA DEI SERVIZI PER L’IMPIEGO E DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, ASSICURANDO CHE IL FONDO PER LA SPERIMENTAZIONE REGIONALE DEL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE STA PER ESSERE ATTIVATO

Resoconto stenografico della seduta pomeridiana del Senato del 3 luglio 2014 – A norma del regolamento, nel question time interviene, per ciascun argomento, un senatore per gruppo, in ordine di dimensione del gruppo (per questo motivo il mio intervento è l’ultimo in ciascuna delle due serie) – La risposta alla mia interrogazione sull’emanazione del regolamento del Fondo per le Politiche attive è evidenziata in grassetto nel primo dei due interventi del ministro Continua…

PERCHÉ IL PARLAMENTARE OPERA SENZA VINCOLO DI MANDATO

IL PRINCIPIO COSTITUZIONALE DI CUI ALL’ARTICOLO 67 NON SIGNIFICA CHE IL PARLAMENTARE PUÒ FARE QUEL CHE GLI PARE, MA CHE EGLI È IL SOLO INTERPRETE DEL MANDATO RICEVUTO DAI PROPRI ELETTORI E NON PUÒ RINUNCIARE A QUESTA PREROGATIVA IN FAVORE DEL PROPRIO PARTITO

Intervento svolto nella seduta antimeridiana del Senato dell’11 giugno 2014, sulle dimissioni di due senatrici del Movimento 5 Stelle

Continua…

LA MIA REPLICA FINALE SUL DECRETO POLETTI

NEL DECRETO MANCANO MOLTE COSE, MA ESSO AMBISCE A SEGNARE, SUL PIANO DELLA CULTURA DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI IL PASSAGGIO DEL NOSTRO ORDINAMENTO DEL LAVORO DAL XX AL XXI SECOLO

Testo della replica del Relatore, conclusiva della discussione generale sul  disegno di legge n. 1464/2014, di conversione in legge del d.-l. n. 34/2014, svolta nella seduta antimeridiana del Senato del 7 maggio 2014 - In argomento v. anche la relazione introduttiva svolta il giorno prima – Inoltre Perché quel “preambolo è importante, editoriale telegrafico del 5 maggio,  e gli emendamenti al decreto-legge n. 34/2014 concordati tra i partiti di maggioranza e presentati venerdì dal Governo in Commissione Lavoro del Senato Continua…

LA MIA RELAZIONE SUL DECRETO POLETTI IN SENATO

IL NESSO TRA IL DECRETO E IL DISEGNO DI RIFORMA ORGANICA CHE PREVEDE IL CODICE SEMPLIFICATO E L’INTRODUZIONE DEL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A PROTEZIONE CRESCENTE – L’IMPATTO DELLA NUOVA DISCIPLINA DEL CONTRATTO A TERMINE SULL’APPARATO SANZIONATORIO  

Relazione introduttiva della discussione sul  disegno di legge n. 1464/2014, di conversione in legge del d.-l. n. 34/2014, svolta in apertura della seduta pomeridiana del Senato, 6 maggio 2014 – E on line anche la mia replica conclusiva della stessa discussione – In argomento v. pure il mio editoriale telegrafico del 5 maggio, Perché quel “preambolo è importante,  e gli emendamenti al decreto-legge n. 34/2014 concordati tra i partiti di maggioranza e presentati venerdì dal Governo in Commissione Lavoro del Senato

Continua…

LA RELAZIONE SUL DECRETO POLETTI IN COMMISSIONE LAVORO AL SENATO

NONOSTANTE LE MODIFICHE APPORTATE DALLA CAMERA DEI DEPUTATI, IL DECRETO SUL LAVORO RESTA UN PASSAGGIO IMPORTANTE IN DIREZIONE DI UNA REGOLAZIONE PIÙ SEMPLICE E DI UN MERCATO PIÙ FLUIDO – IL PROVVEDIMENTO DOVREBBE ESSERE PERÒ RIEQUILIBRATO SUL VERSANTE DEL RAPPORTO A TEMPO INDETERMINATO

Relazione alla Commissione Lavoro del Senato, in apertura della discussione generale sul decreto-legge n. 34 in materia di lavoro, 29 aprile 2014 – In argomento v. anche il mio primo editoriale telegrafico per la Nwsl n. 294 e la documentazione disponibile nella sezione Lavoro di questo sito sugli sviluppi della discussione sul decreto in Senato Continua…

JOBS ACT: CHE COSA CONTIENE IL DISEGNO DI LEGGE-DELEGA

UNA RASSEGNA PUNTUALE DELLE DELEGHE LEGISLATIVE CHE IL GOVERNO CHIEDE AL PARLAMENTO IN MATERIA DI RISCRITTURA SEMPLIFICATA DELLA NORMATIVA SUI RAPPORTI DI LAVORO, SERVIZI PER L’IMPIEGO E AMMORTIZZATORI SOCIALI

Relazione sul disegno di legge n. 1428, di iniziativa del Governo, recante Deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, svolta il 23 aprile 2014 davanti alla Commissione X, Industria, Commercio e Turismo, in funzione del parere da questa espresso alla Commissione XI, Lavoro e Previdenza Sociale, competente per l’esame del provvedimento in sede referente – Alcune considerazioni di sintesi sulla struttura complessiva del disegno di legge e sul nesso logico che lega le sue tre parti principali sono contenute nelle Considerazioni finali che chiudono la relazione Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab