LA CONDANNA PER CORRUZIONE NON BASTA PER PERDERE IL POSTO IN REGIONE

“IL DIPENDENTE È STATO UN CORROTTO E UN TRUFFATORE – DICE IL GIUDICE DEL LAVORO – MA DIFFICILMENTE LO SARÀ ANCHE IN FUTURO”: PER QUESTO VIENE REINTEGRATO NEL SUO IMPIEGO PUBBLICO CON TUTTI GLI ONORI E UN BEL PREMIO IN DENARO
Articolo di Giuseppe Selvaggiulo pubblicato su la Stampa il 4 febbraio 2016 – Segue un mio breve commento

Continua…

TRASPARENZA: INCOMINCIAMO CON I DATI DI EXPO

UN LETTORE CHIEDE DI POTER ACCEDERE AI DATI ECONOMICO-FINANZIARI DELLA GESTIONE DI EXPO: SUBITO ACCONTENTATO

Lettera pervenuta il 27 gennaio 2016, in riferimento al post Le armi di Beppe Sala: full disclosure e governo per obiettiviSegue la mia risposta – In argomento v. anche il mio intervento Perché proprio Beppe Sala Continua…

LE ARMI DI BEPPE SALA: FULL DISCLOSURE E GOVERNO PER OBIETTIVI

IL CAPO DI EXPO 2015, CHE SI PROPONE AGLI ELETTORI DEL PD COME CANDIDATO A GUIDARE IL COMUNE DI MILANO, PUNTA SULLA TRASPARENZA TOTALE DI OGNI ATTO DELL’AMMINISTRAZIONE E SUL CONTROLLO DIRETTO DELLA CITTADINANZA CIRCA IL CONSEGUIMENTO DI OBIETTIVI SPECIFICI E MISURABILI IN CIASCUN COMPARTO

Con l’autorizzazione di Beppe Sala, candidato alle primarie per l’elezione del sindaco di Milano che si svolgeranno sabato 6 e domenica 7 febbraio, metto a disposizione dei frequentatori di questo sito una scheda tratta dal materiale sul quale il suo staff sta lavorando per la predisposizione del programma elettorale Continua…

NESSUN ALIBI PER IL MANAGEMENT DELLA P.A. CHE NON ESERCITA LE PROPRIE PREROGATIVE

IL DIRIGENTE PUBBLICO È GIÀ OGGI ESENTATO DALLA RESPONSABILITÀ ERARIALE PER IL CASO IN CUI IL GIUDICE ANNULLI IL LICENZIAMENTO CONDANNANDO L’AMMINISTRAZIONE DATRICE DI LAVORO AL RISARCIMENTO DEL DANNO

Lettera pervenuta il 19 gennaio 2016 – Segue la mia risposta con il testo del quarto comma dell’articolo 55-sexies   Continua…

PER UN IMPIEGO PUBBLICO AL SERVIZIO DEI CITTADINI PIÙ CHE DI SE STESSO

NON SONO CERTO CONTRARIO A INIZIATIVE TENDENTI A SBLOCCARE LE SANZIONI CONTRO L’ASSENTEISMO FRAUDOLENTO, MA PIÙ IMPORTANTE ANCORA È RIMUOVERE LE CAUSE DELLA DERESPONSABILIZZAZIONE DEI DIRIGENTI PUBBLICI SU QUESTO TERRENO

Intervista a cura di Federica Fantozzi, pubblicata su l’Unità il 18 gennaio 2016 – Sia questa intervista a me, sia quella sullo stesso tema al professor Maurizio Del Conte, pubblicata  su l’Unità affiancata alla mia, sono disponibili anche in formato pdf – In argomento v. inoltre Motivare i dirigenti pubblici a esercitare le loro prerogative, mia dichiarazione pubblicata su la Repubblica il 17 gennaio 2016; e Nel settore pubblico occorre responsabilizzare i dirigenti, mia dichiarazione pubblicata su la Stampa il 16 gennaio 2016 Continua…

MOTIVARE I DIRIGENTI PUBBLICI A ESERCITARE LE LORO PREROGATIVE

SUI LICENZIAMENTI NEL SETTORE PUBBLICO NON OCCORRE DISCOSTARSI DALLA DISCIPLINA GENERALE, MA, PER UN VERSO, ELIMINARE GLI OSTACOLI CHE DISSUADONO I DIRIGENTI DAL FARE IL LORO DOVERE, PER ALTRO VERSO MOTIVARLI ROBUSTAMENTE A ESERCITARE LE LORO PREROGATIVE MANAGERIALI, DOVE OPPORTUNO IN FORMA COLLEGIALE

Testo integrale della dichiarazione rilasciata a Roberto Mania, ripresa con qualche taglio, per motivi di spazio, in un servizio pubblicato su la Repubblica il 17 gennaio 2016 – In argomento v. anche la mia dichiarazione pubblicata da la Stampa il giorno precedente: Nel settore pubblico occorre responsabilizzare i dirigenti Continua…

NEL SETTORE PUBBLICO OCCORRE RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

IL RECUPERO DI EFFICACIA DEI SERVIZI NON SI OTTIENE CON NORME “SPOT” CHE IMPONGONO DETERMINATI COMPORTAMENTI, MA COL VINCOLARE IL MANAGEMENT AL CONSEGUIMENTO DI OBIETTIVI PRECISI E MISURABILI, COSÌ DA INDURLO A ESERCITARE FINO IN FONDO LE PROPRIE PREROGATIVE, SOPRATTUTTO PER MOTIVARE I DIPENDENTI

Dichiarazione rilasciata a Ilario Lombardo e pubblicata su la Stampa il 16 gennaio 2016 – In argomento v. anche l’articolo di Luigi Olivieri, Se il pubblico impiego ha regole uguali al privato (anche sui licenziamenti), e gli altri post ivi linkati Continua…

SE IL PUBBLICO IMPIEGO HA REGOLE UGUALI AL PRIVATO (ANCHE SUI LICENZIAMENTI)

SE IL GOVERNO NON VUOLE CHE LA DISCIPLINA GENERALE DEI LICENZIAMENTI SI APPLICHI ANCHE ALL’IMPIEGO PUBBLICO, OCCORRE CHE PROMUOVA L’EMANAZIONE DI UNA NORMA CHE LO STABILISCA (LA QUALE PERÒ FAREBBE SORGERE UNA NON FACILE QUESTIONE DI COSTITUZIONALITÀ PER DISPARITÀ DI TRATTAMENTO NON GIUSTIFICATA

Articolo di Luigi Olivieri pubblicato da lavoce.info il 12 gennaio 2016 – In argomento v. anche la recentissima decisione del Tribunale di Rimini del 7 gennaio: ivi ulteriori riferimenti Continua…

Continua la lettura..
-->

LICENZIAMENTI NELLE P.A.: UN’ALTRA CONFERMA DELL’APPLICABILITÀ DELLA NUOVA DISCIPLINA

DOPO LA CASSAZIONE, ANCHE UN GIUDICE DI MERITO CONFERMA QUANTO DISPOSTO IN MODO CHIARISSIMO DALL’ARTICOLO 51 DEL D.LGS. 165/2001: “LA LEGGE 20 MAGGIO 1970, N. 300, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI, SI APPLICA ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A PRESCINDERE DAL NUMERO DEI DIPENDENTI”

Brano estratto dalla motivazione del decreto del Tribunale di Rimini, 7 gennaio 2016, n. 11/2016, estensore il Giudice del Lavoro Luigi Ardigò, nella causa promossa da un dipendente contro l’ente pubblico suo datore di lavoro – In argomento v. anche la sentenza della Corte di Cassazione n. 24157/2015 e l’articolo di Luigi Olivieri del 10 dicembre 2015, con la mia nota di commento, che richiamo qui anche in riferimento a quest’ultima sentenza Continua…

ERRORI DI MISURA SUL LAVORO

VOLER TRADURRE A TUTTI I COSTI LA QUALITÀ DELLA PRESTAZIONE IN QUANTITÀ, IN FUNZIONE DELLA VALUTAZIONE, SENZA SAPERLO FARE, PUÒ PRODURRE MOSTRI

“Lettera sul Lavoro” pubblicata sul Corriere della Sera il 6 gennaio 2016, in occasione dell’uscita del libro di Dina Gray,  Pietro Micheli e Andrey Pavlov, Measurement Madness. Recognizing and avoiding the pitfalls of performance measurement (Wiley, 2015)  Continua…

WP Theme restyle by Id-Lab